• auto_blu_allasta_esplode_il_caso_della_polizia_penitenziaria_26240

CASA CIRCONDARIALE DI AGRIGENTO – Vertenza sulle procedure di mobilità del personale di Polizia penitenziaria dei N.T.P.

Spettabile Direttore,
nonostante la vertenza aperta da questa O.S. e le segnalazioni fornite rispetto alla problematica, vedi nota Prot. 35/2016 Reg.Gen. del 21 settembre u.s. ancora priva di riscontro, si apprende che in data odierna si è dato corso alla mobilitazione del personale di P.P. del locale N.T.P..
Per le motivazioni già ampiamente dibattute, si vuole ricordare che la materia in tempi recenti è stata disciplinata da un accordo sindacale regionale e che qualsiasi movimentazione di personale deve avvenire esclusivamente attraverso la puntuale e scrupolosa applicazione di esso.
È opinione di chi scrive che le procedure adottate da Codesta direzione non siano esattamente conformi agli accordi, e si fa particolare riferimento alla determinazione dell’aliquota di personale abilitato alla guida che per effetto delle Sue disposizioni non esattamente conformi è stato mobilitato a danno di altri.
Anche sé, l’ufficio del P.R.A.P. con nota prot. n° 068095-ST/II del 03 agosto 2016, “motu proprio” ha ritenuto utile fornire indicazioni circa la determinazione dell’aliquota minima di personale di Polizia Penitenziaria abilitato alla guida da mantenere, si ritiene che quelle istruzioni hanno carattere ricognitivo, (fra l’altro si ritiene che il dato fornito sia stato alterato) e pertanto, così come richiesto dall’accordo sindacale, la definizione del numero esatto dei patentati di categoria “D” da serbare a prescindere, deve necessariamente essere definito in sede di contrattazione decentrata ( art. 8 comma 4 protocollo NN.TT.PP.).
Inoltre, si osserva che il protocollo del NN.TT.PP (art. 8 comma 6.) nella parte in cui evidenzia la percentuale di personale da mobilitare, stabilisce che deve essere applicata una aliquota del 20% da spalmare su tutto il personale in forza al nucleo, indipendentemente dal ruolo.
E per questo l’aspetto controverso che non si riesce a capire è perche si sono mobilitate nove unità di Polizia Penitenziara, quando la forza organica alla data dell’indizione dell’interpello era di 37 unità, e conti alla mano, tranne improbabili smentite, il 20% di trentasette unità sembra essere per difetto sette unità.
In ragione di quanto sopra esposto, al fine di evitare disparità di trattamento tra tutto il personale, si chiede di bloccare le procedure di mobilità ed adoperarsi per arginare ulteriori violazioni, significando che, in assenza di opportuni riscontri, questa O.S. sarà costretta senza ulteriore indugio ad attivare la Commissione Arbitrale Regionale di cui al comma 14 dell’art. 3 A.N.Q. con riserva di esercitare, per la condotta antisindacale posta in essere, l’azione repressiva di cui all’art. 28 della L. n. 300 del 1970.

CASA CIRCONDARIALE DI AGRIGENTO – Vertenza sulle procedure di mobilità del personale di Polizia penitenziaria dei N.T.P.

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *