• bo

CASA CIRCONDARIALE DI BOLOGNA – Degrado e insalubrità muro di cinta e garitte – Infiltrazioni d’acqua garitta N°1

Egregio Direttore,
Le segnaliamo nuovamente i rischi cui sono sottoposti quotidianamente il personale di Polizia penitenziaria,
in relazione a plurime violazioni del Dlgs 81/2008, dovute allo stato d’abbandono e degrado in cui versa il
muro di cinta.
E’ noto che i luoghi di lavoro devono avere determinati requisiti che sono disciplinati dal Decreto Legislativo
81/2008.
La medesima normativa disciplina la gestione della prevenzione sui luoghi di lavoro, la tutela dei lavoratori, la
valutazione dei rischi e quant’altro.
E’ quindi il caso di ribadire che le condizioni igieniche e di sicurezza del camminamento perimetrale del muro
di cinta e delle garitte fisse sono scarse , in quanto detti posti di lavoro necessitano di manutenzione e
pulizia, spesso sottovalutati o addirittura inesistenti.
Ad esempio, l’infiltrazione d’acqua proveniente dalla copertura della garitta n°1 (una situazione, questa, che
ha reso il pavimento viscido, con la concreta possibilità di cadute) è una reale situazione di pericolo, che
andrebbe risolta prima che accada qualcosa di grave al personale di Polizia penitenziaria.
Pertanto per le ragioni su evidenziate, chiediamo un tempestivo intervento manutentivo che rimuova le
criticità rilevate – soprattutto nelle precedenti note – , al fine di rendere più sicuro questa postazione di lavoro.
Altresì, tale intervento servirebbe a prevenire potenziali incidenti e rischi, che nelle date condizioni attuali
possono verificarsi.

muro-di-cinta

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *