• fumatore

CASA CIRCONDARIALE DI BOLOGNA – Fumo passivo da sigaretta

Egregio Direttore,
quello del fumo passivo in ambiente penitenziario rappresenta un problema reale, come si evince
dalle diverse note prodotte dalla scrivente O.S. ( nota n°04/2016/SP-BO, nota n°42/2016/SP-BO)
). Ad essere pericoloso (e purtroppo ignorato) è il fumo passivo di ‘seconda mano’, cioè il fumo
passivo da sigaretta. Ogni elemento richiamato allora da questa O.S., nella forma di palese
illegalità, continua a sussistere (nell’amara) attualità: nonostante i cartelli affissi, si continua a
fumare nei luoghi comuni, calpestando il diritto alla salute; fumo e mozziconi dappertutto; l’assenza
di buon senso da parte di tutti è l’unico dato di fatto.
Vista la recente sentenza del T.A.R. Lombardia, sentenza del 13 marzo 2017, che ha
condannato il Ministero della Giustizia a installare <<adeguati impianti di aereazione nei locali
destinati ai fumatori>>, chiediamo alla Dirigenza dell’Istituto l’adeguamento di questi ambienti alla
sentenza evocata. In attesa che il problema evidenziato possa essere celermente affrontato, si
porgono Distinti Saluti.

fumo-passivo-in-ambiente-penitenziario

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *