• brindisi-870x418-840x418

Casa Circondariale di Brindisi – unità di polizia penitenziaria del ruolo ispettore, adibita come responsabile al posto di servizio colloqui familiari detenuti

Egregio Direttore,
Questa O.S. è stata resa edotta che dal mese di Gennaio 2016, la S.V. ha sottratto dal servizio a
turno una unità del ruolo degli Ispettori, nello specifico un Ispettore capo ….OMISSIS,
inserendolo nel settore colloqui familiari detenuti.
Ancora una volta questa O.S rimane perplessa dalle decisioni unilaterali, che codesta A.D.
intraprende, sapendo altresi della contrattazione del lavoro in corso nella sede Brindisina, con
conseguenza di una palese violazione dell’A.Q.N. art. 4 comma 4.
La cosa che rammarica, è che in passato la S.V. ha più volte rammentato con cospicua
corrispondenza, quale apparirebbe contraddittoria, infatti al servizio a turno, le poche unità del
ruolo sottoufficiali, sono insufficienti per garantire la copertura di h/24, tali da assicurare il posto
di servizio della sorveglianza generale, infatti per arginare la problematica, sono state prelevate
unità dei posti fissi, come risoluzione intrapresa da codesta A.D., affinchè siano garantiti i diritti
del personale del medesimo ruolo, scorporando per di più alcuni turni di servizio nel ruolo
agenti/assistenti. Se poi si considera che nell’anno in corso andrà in pensione un sovrintendente,
non si comprende, il perché di tale decisione.
Inoltre, il Sinappe non condivide il provvedimento emesso da parte della S.V. in quanto,
bilanciando le due problematiche sia quella della sorveglianza generale e quella di un sottufficiale
come responsabile dei colloqui familiari, a nostro avviso prevale in primis quello di garantire la
sorveglianza generale da un ruolo apicale previsto dalla norma, in considerazione anche degli
allertamenti che i superiori uffici emanano di routine, in questo caso è di competenza dal ruolo
dell’ ispettore, tra l’altro lo stesso operatore potrebbe assorbire anche la responsabilità dei colloqui
nei turni di mattina o pomeriggio, quando sono programmati i colloqui dei familiari con i detenuti.
In fine, si rammenta alla S.V. che da tempo tale incarico di Preposto/responsabile dei
colloqui era sempre affidato al ruolo dell’Assistente Capo, con la collaborazione della Sorveglianza
Generale e la super visione del Comandante, senza che vi siano state delle irregolarità o situazioni
di anomalia.
In fine, si invita la S.V. di portare la situazione espressa in argomento nella contrattazione
prossima del 22 c.m. con oggetto, proseguo contrattazione organizzazione del lavoro.
Per i motivi sopra esposti si chiede l’immediato rientro al servizio a turno dell’ispettore capo
adibito ai colloqui familiari detenuti nel rispetto dell’A.Q.N. art. 4 comma 4.
Nell’attesa di tempestivo riscontro, ossequi

Casa Circondariale di Brindisi – unità di polizia penitenziaria del ruolo ispettore, adibita come responsabile al posto di servizio colloqui familiari detenuti

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *