• Carcere-di-Cremona

Casa Circondariale di Cremona – Violenta aggressione alla Polizia Penitenziaria!

E’ di ieri pomeriggio (venerdì 16 ottobre) la notizia di una violenta aggressione perpetrata all’interno della Casa Circondariale di Cremona ai danni di alcuni Agenti di Polizia Penitenziaria, uno dei quali è stato ricoverato presso il nosocomio cittadino. Un detenuto di nazionalità marocchina ha aggredito un agente di polizia penitenziaria.,lo stesso senza alcun motivo andava in escandescenza e colpiva violentemente il poliziotto in servizio sul piano che cercava di dissuaderlo. La sua abnegazione, è costata una corsa al locale Pronto Soccorso dove il collega è stato ricoverato. Successivamente, sempre lo stesso detenuto, armato di lametta e bastone, cerca di avventarsi contro altri Poliziotti accorsi in soccorso del collega, solo grazie alla professionalità e allo zelo che ha sempre contraddistinto i poliziotti Cremonesi che il peggio è stato scongiurato. Finito qui? Assolutamente no! disarmato il detenuto, lo stesso tenta un gesto autolesionistico, cercando con le lenzuola di impiccarsi, ma l’intervento tempestivo dei poliziotti in servizio riesce con non poca fatica a far desistere lo stesso. Nell’episodio specifico il detenuto aggredisce anche i colleghi accorsi e uno di essi rimane ferito ad una mano. L’ennesima aggressione subita dal personale assalito con le lamettee bastoni, non sono da derubricare come episodi isolati e meno che mai come meri “rischi del mestiere”. Proprio perché non esistono terreni neutri, sarebbe un grossolano errore non avviare una seria riflessione sulla tenuta della “sorveglianza dinamica”, perché sta pregiudicando la sicurezza all’interno degli istituti, perché oramai si tratta di un sistema a “celle aperte” che nulla ha a che vedere con la paventata “evoluzione della modalità operativa della sorveglianza”. La necessità di garantire negli istituti l’ordine e la disciplina torna ad essere il tema centrale, ancor di più dopo gli ultimi episodi accaduti nelle carceri italiane. L’impegno del SiNAPPe, che esprime grande solidarietà ai poliziotti coinvolti, complimentandosi per le doti professionali dimostrate, sarà quello di ottenere la messa in sicurezza del posto di servizio, garantendo al personale l’idoneità prevista del luogo di lavoro.

CASA CIRCONDARIALE DI CREMONA – VIOLENTA AGGRESSIONE ALLA POLIZIA PENITENZIARIA!

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *