• lucera

Casa Circondariale di Lucera – Elezioni Rappresentanti per la Sicurezza – violazioni delle procedure – Intimazione annullamento iter

Signor Direttore, è stato segnalato alla scrivente O.S. dell’esposizione all’albo di un avviso che comunica la mancata accettazione della lista Si.N.A.P.Pe in risposta all’avviso emanato in data 01.12.2015 e ricevuto in data 03.12.2015. La causa di esclusione risiederebbe nella tardiva presentazione dell’elenco la cui scadenza era determinata alla mezzanotte del 15° giorno a decorrere dalla pubblicazione del bando. Orbene, v’è da interrogarsi sulla perentorietà del termine indicato dal comma 4 dell’articolo 17 AQN e se il ritardo possa ritenersi causa di esclusione. Ciò perché, se in termini di perentorietà deve ragionarsi, medesimo carattere deve riconoscersi al precedente comma 3 a norma del quale “Novanta giorni prima della scadenza del mandato del rappresentante della sicurezza, d’intesa con le organizzazioni sindacali rappresentative sul piano nazionale del personale del Corpo di polizia penitenziaria, l’Amministrazione in sede locale indice le elezioni mediante l’affissione dell’avviso nell’albo del personale”. Da notizie in possesso di questa O.S., alla data del 01.12.2015 il termine di 90 giorni era ampiamente perito. Per linearità di pensiero, per validare le procedure attivate da codesta Direzione, si deve riconoscere carattere meramente ordinatorio al succitato termine di cui al comma 3 e per la medesima linearità, il carattere ordinatorio deve riconoscersi anche al successivo comma 4, non essendo diversamente previsto; previsione che in punta di diritto sarebbe dovuta essere espressamente indicata stante le gravi conseguenze connesse al mancato rispetto. A latere di tale disquisizione il Si.N.A.P.Pe eccepisce l’irritualità della composizione della Commissione Elettorale, delicato organismo di controllo per la validità dell’intera procedura.

Nell’avviso del primo dicembre – di cui questa O.S. impugna la validità – non è infatti richiamato in alcun
punto il comma 12 con l’invito (che discende dalla lettura congiunta di detto comma con il precedente comma 3
nella parte in cui rinvia l’attivazione della procedura ad un momento di intesa con le OO.SS. rappresentative del
Corpo) ad indicare il membro per la composizione della Commissione Elettorale, inducendo in questa O.S. il
legittimo convincimento che detta procedura si sarebbe perfezionata con atto separato; atto che non è mai
pervenuto.
In assenza delle basilari regole di trasparenza e contraddittorio, ad oggi questa O.S., esclusa dalla
competizione elettorale, non ha contezza della composizione della Commissione di cui sopra, cui eventualmente
avanzare il ricorso avverso l’esclusione (per altro non ufficialmente comunicata).
Si ha, per altro, ragione di ritenere che la stessa Commissione sia stata composta in maniera monocratica,
con ciò svilendo i principi del confronto e di maggioranza.
Per tutto quanto in argomento, si esorta codesta Direzione a revocare in autotutela l’irrituale procedura
posta in essere, interloquendo con le Organizzazioni Sindacali per la composizione della Commissione Elettorale
(passo prodromico alla validità dell’intera procedura), affiggendo dunque solo successivamente il bando per
l’elezione, volendo altresì esprimersi sulla perentorietà o meno dei termini indicati e sulle conseguenze del mancato
rispetto.
In attesa cortese ed urgente riscontro, si porgono cordiali saluti.

Casa Circondariale di Lucera – Elezioni Rappresentanti per la Sicurezza – violazioni delle procedure – Intimazione annullamento iter

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *