• cell

Casa Circondariale di Messina “Gazzi”

Rinvenuto telefono cellulare presso il reparto femminile!

È la volta di Messina. La notizia è di un recente rinvenimento di un telefono cellulare nella

sezione femminile dell’Istituto Penitenziario ”Gazzi”.

L’allarme è stato immediato, subito dopo la scoperta da parte del

personale penitenziario, di una sim telefonica all’interno di un “pacco” destinato ad un ristretto.

Immediate le operazioni di ricerca che hanno portato in breve tempo al rinvenimento di un telefono cellulare occultato nel reparto “Nido” del

penitenziario messinese.

La questione è stata deferita all’Autorità Giudiziaria per le indagini del caso.

Un tale episodio, segno di innegabile professionalità e zelo del personale

penitenziario, non può non far riflettere ancora una volta sulle precarie

condizioni di lavoro che interessano l’istituto siciliano.

Un istituto, quello di Gazzi, che al pari di altri del “belpaese” si trova a

dover fare i conti con una preoccupante carenza organica che il Si.N.A.P.Pe ha

da sempre denunciato.

A fornire un nuovo grido d’allarme, con una dichiarazione affidata alla

carta stampata della cronaca locale è da ultimo il Vice Segretario Regionale

Si.N.A.P.Pe per la Sicilia, Letterio Italiano, che nel dare il giusto risalto alla

preparazione professionale dei poliziotti siciliani non può esimersi

dall’ennesima amara denuncia relativa ad una struttura che vede compromessi

i livelli di sicurezza da una logica di razionalizzazione delle risorse umane

portata all’estremo: è il caso della sezione femminile (dislocata su tre piani) la

cui cura è affidata ad un’unica poliziotta per turno, arrivando ad impiegare

unità maschili in caso di sorveglianza a vista di una detenuta, non potendo

farvi fronte con le poliziotte in organico. E a poco è servito il recente

incremento nel ruolo!

Nel compiacersi con i colleghi per la professionalità dimostrata, il

Si.N.A.P.Pe assicura il proprio impegno nel perorare la causa messinese nei

superiori Uffici dipartimentali.

Comunicato rinvenimento sim messina

 

Share This Post

About Author: Marco Gordiani