• carceresansevero

Casa Circondariale di San Severo – organizzazione del lavoro – gestione dell’Ufficio Sopravvitto

Egregio Direttore, la presente per rappresentare anomalie che si stanno registrando nell’organizzazione del servizio rispetto alla costante prassi organizzativa che vede gli addetti dell’Ufficio in oggetto essere impiegati in svariati compiti alternativi rispetto a quelli precipui (perquisizione detenuti ammessi a colloquio – controllo avvocati) Il carico di lavoro dell’Ufficio Sopravvitto è senz’altro noto a codesta Direzione tanto da ritenere che per le incombenze lavorative fosse necessario impiegare due unità nel turno antimeridiano. Il problema è che le due unità risultano poi effettivamente solo in maniera fittizia essendo le stesse le prime prelevate per la perquisizione dei detenuti ammessi a colloquio; posto di servizio, quest’ultimo, prima dichiarato “sopprimibile” e attualmente nemmeno individuato nella programmazione mensile. La questione produce notevoli disservizi nell’organizzazione del lavoro del Sopravvitto con evidenti rincari nei carichi di lavoro delle unità per altro entrambe legittimate a quella tipologia di servizio perché vincitori di interpello. Pur comprendendo le difficoltà collegate alla carenza di personale, è almeno il caso di rivedere con urgenza detta prassi affinché siano tutti gli uffici a contribuire al funzionamento dei colloqui, così limitando il disservizio che tale situazione produce evitando che la carenza si riversi unicamente su un settore. Questo si inserisce in un quadro di maggiore globalità di necessaria revisione dell’organizzazione del lavoro, rispetto alla quale si chiede di calendarizzare con la massima urgenza un incontro con le parti sociali In attesa di riscontro si porgono distinti saluti

Casa Circondariale di San Severo – organizzazione del lavoro – gestione dell’Ufficio Sopravvitto

 

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *