• carcere_06

CASA CIRCONDARIALE DI TORINO – Anomala gestione del personale. Richiesto intervento

Egregio Direttore, con la presente si intende segnalarLe, alcune anomalie sulla gestione del personale, che meritano la Sua attenzione e conseguente intervento. Pare infatti che da diverso tempo, una unità del ruolo agenti/assistenti, sia stata destinata a svolgere servizio continuativo presso il settore Block House, Portineria e Sala Regia, distogliendola dall’incarico cui sarebbe realmente assegnata. Si sconoscono le ragioni sottese a questa disposizione e si tralasciano le solite maldicenze, che inquadrerebbero questo personalissimo impiego quale atto di riconoscenza (maldicenze da cui questa O.S. si dissocia totalmente), seppure intende conoscere l’esatta natura di quest’impiego, posto che il personale che espleta servizio al Block House, deve ivi essere assegnato attraverso la procedura d’interpello. Seppure infatti in casi di necessità si potrebbe ricorrere a recuperi di risorse in altri ambiti, questi dovrebbero mantenere carattere di eccezionalità, limitata nel tempo, fintanto non sia regolarizzata da atto ufficiale e condiviso, in assoluta trasparenza e nel rispetto di tutto il personale in servizio. D’altronde, ultimamente, pare ci sia un eccesso di risorse nei reparti interni, visto che ai posti di servizio ordinari, sono associati altri incarichi in qualità di “supporto” ai passeggi, sezioni rotonde, etc., mentre altre U.O., come appunto quella in cui il Block House è inserito, o il N.T.P, sono in costante affanno, con i rischi che ridotte unità comportano in termini di sicurezza. Inoltre si sono raccolte diverse lamentele relativamente al mancato riscontro, da parte di codesta A.G., relativamente ad istanze di revoca incarico, debitamente motivate. Si auspica pertanto, che la S.V. voglia riprendere quelle istanze e valutarle con attenzione e scrupolo affinché le mancate risposte non generino frustrazioni in quel personale che si aspetta un tempestivo quanto indispensabile responso. Appare doveroso infatti che il personale abbia un riscontro, sia esso anche negativo, al fine di gestire al meglio anche le proprie esigenze private, senza interferire col compito istituzionale demandato. Si sottolinea infine l’esigenza di rispettare le disposizioni impartite dall’A.N.Q. all’art.8 co.7, relativamente all’esposizione del programmato mensile afferente tutte le UU.OO., individuando un luogo di facile accesso a tutto il personale, considerando che ad oggi ciò accade solo per i servizi di N.T.P. e poche altre Unità Operative.

casa-circondariale-di-torino-anomala-gestione-personale-richiesto-intervento

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *