• carcere

CASA CIRCONDARIALE DI TRENTO – Richiesta integrazione di personale di Polizia Penitenziaria – STATO DI AGITAZIONE

Egregio Presidente,
le organizzazioni sindacali trentine, in un documento congiunto, hanno segnalato l’aggravarsi delle problematiche che affliggono il penitenziario di “Spini di Gardolo”. E’ ormai di dominio pubblico il sovraffollamento e la carenza di personale che affligge la Casa Circondariale di Trento, situazione più volte rappresentata ma che ad oggi continua a non ottenere alcun riscontro pratico. Attualmente il personale in servizio, decimato e ridotto all’osso, è costretto ad effettuare eccessive ore di lavoro straordinario per sopperire alla grave carenza di organico, ma la situazione non può che peggiorare, vi è il reale rischio che a breve la Direzione dell’istituto non sia più in grado di garantire riposi e congedi. La problematica coinvolge la Polizia Penitenziaria non soltanto sotto l’aspetto organizzativo dei servizi bensì anche in merito all’eccessivo carico di lavoro conseguente al sovraffollamento dei detenuti ed all’aumento di prestazioni dovute ad emergenze di carattere sanitario. L’istituto è ormai al collasso, pertanto si chiede alla S.V. di adottare provvedimenti atti ad attuare un sensibile decremento della popolazione detenuta e di provvedere con urgenza ad integrare l’organico della C.C. Trento , qualora servisse, con l’invio di personale in servizio di missione.

170119_Trento stato di agitazione 19012016

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *