• Casa-Circondariale-Isernia-700x357

Casa Circondariale ISERNIA

Oggetto: Casa Circondariale di Isernia.

GRAVISSIME PROBLEMATICHE RICHIESTA INTERVENTO URGENTE

Egregio Provveditore,

è dovere di questa Segreteria Generale evidenziare le gravissime problematiche maturate presso la

Casa Circondariale di Isernia nell’ultimo periodo.

Nonostante invero la fitta corrispondenza inviata dalla segreteria regionale alla Direzione de

qua, tramite la quale si è cercato di mantenere aperto quel delicato dialogo sindacale in questa

difficile situazione, la cosa è degenerata fino a portare il Si.N.A.P.Pe, lo scorso 23 novembre, a

dichiarare lo stato di agitazione.

Le mancate o vane risposte rese dalla Direzione alle legittime richieste di delucidazioni

inoltrate dalla sottoscritta organizzazione sindacale, ha allentato sempre più un rapporto già

precario.

L’inadatta gestione del personale più volte lamentata, è palese nelle tante determinazioni

assunte dalla Parte Pubblica in assoluta autonomia, spesso contraddicendo gli accordi raggiunti

durante le contrattazioni con le OO.SS. o contravvenendo a disposizioni vigenti.

Eclatante la mancata adesione a quanto stabilito dalla CAR, richiesta la scorsa primavera,

che aveva comunque dato ragione agli instanti e che ha visto la Direzione del penitenziario isernino

“accondiscendere” in forma parziale solo dopo svariati mesi e diversi solleciti, tornando però in

brevissimo tempo alle consuete abitudini.

La stessa S.V., nella nota prot. nr. 49530/Rel.Sind. del 28 novembre scorso, ammette la

persistenza delle gravi problematiche lamentate, alle quali, inevitabilmente, va posto rimedio.

Il personale di polizia penitenziaria ivi in servizio intanto, è giunto ad un livello di

sopportazione massimo, sollecitato dalle continue ed inaspettate modifiche apportate dalla

Direzione all’organizzazione del lavoro.

Gli svariati interventi di questa e di altre sigle sindacali, non vengono presi in alcuna

considerazione dalla Parte Pubblica che continua a gestire autonomamente la struttura,

indipendentemente, ribadiamo, anche dalle disposizioni superiori.

Le diverse manifestazioni portate avanti dai Sindacati, ultimo in ordine di tempo la

conferenza stampa tenuta lo scorso venerdì dalla Segreteria Regionale del Si.N.A.P.Pe con gli

organi di stampa locali, non sono altro che forti segnali di allarme rivolti anche

all’Amministrazione Penitenziaria, affinché intervenga in maniera decisa a risollevare una

situazione che, già bistrattata dalla carenza di organico e di risorse materiali, viene continuamente

“umiliata” anche da una direzione inidonea.

E’ pertanto più che mai urgente e necessario lasciare da parte le parole scritte ed attivarsi

fattivamente perché si risolvano le difficoltà esposte.

Distinti saluti.

ISERNIA(2)

 

 

Share This Post

About Author: Marco Gordiani