• uta-carcere-770x480

CASA CIRCONDARIALE UTA-CAGLIARI – Continue criticità, richiesta incontro urgente

Egregio Provveditore,
Nostro malgrado siamo ancora costretti ad intervenire su dinamiche che ormai da troppo tempo rendono poco sereno l’ambiente lavorativo della CC di Uta-Cagliari. Il personale è costantemente sottoposto ad uno stress eccessivo, continua ad essere recepito quel clima di diffidenza e paura che si percepisce ad ogni livello e in tutti i ruoli senza che la Direzione, in tutto questo periodo, abbia minimamente cercato di migliorare le condizioni. Spiace constatare che il personale continui a sentirsi abbandonato a se stesso, bersagliato da disposizioni di servizio spesso inattuabili per le quali, in ogni caso, potrebbe essere chiamato a risponderne ad ogni livello. Con nota n°131-SRS del 22/08/2018 abbiamo sensibilizzato la Direzione circa la problematica dell’unità che non viene inserita laddove le sezioni siano chiuse come all’Unità Operativa Reparto Cagliari, andando ad aggravare sia il carico di lavoro che le responsabilità del personale presente nel reparto. Tuttavia, allo stato attuale, è rimasta lettera morta nonostante il sollecito del PRAP, anche questo ennesimo segno di totale disinteresse sia delle corrette relazioni sindacali ma soprattutto delle condizioni di lavoro del personale di Polizia in servizio presso l’istituto.
Nel precedente incontro sindacale si era convenuto che la Direzione avrebbe stabilito in maniera univoca l’individuazione di quei posti di servizio sopprimibili in maniera progressiva, affinché gli Assistenti Capo che svolgevano le mansioni di sorveglianza generale (spesso nel turno notturno) avessero delle linee da seguire in occasioni di Art 17 OP e di ricoveri di detenuti in luoghi esterni di cura. Il personale purtroppo deve convivere anche con l’ansia di sapere solo quando inizia il servizio, ma non quando terminerà il turno; perché spesso basta un semplice consiglio di disciplina, un detenuto leggermente esagitato per trattenere tutto il personale smontante dal turno. Il ricorso alle prestazioni di lavoro straordinario continua, come più volte segnalato da questa O.S., ad essere ingiustificato e sproporzionato; il personale viene trattenuto senza che ricorrano tutti quei presupposti stabiliti dalle normative vigenti, tutto sembra essere giustificato con esigenze di ordine e sicurezza. Inspiegabile poi lo straordinario che effettuano alcune cariche fisse che superano abbondantemente addirittura chi svolge servizio all’interno dei reparti, come ad esempio, uno tra tanti, l’addetto all’ufficio posta, ma potremmo citarne tanti altri di esempi.
Altro annoso problema che si ripercuote inevitabilmente sul personale sono gli Art 17 OP, troppi paragonati non solo al resto degli istituti della penisola ma rispetto agli altri istituti della stessa regione, segno di una mancanza di sinergie tra le varie aree; tematiche che vanno ben oltre la solita scusa della difficile gestione della tipologia di detenuti presenti nell’istituto Cagliaritano, soprattutto se si considera che all’interno vi sia un C.D.T. perfettamente funzionante.
Al Direttore, che legge per conoscenza, questa Organizzazione Sindacale chiede che venga fissato un incontro urgente per affrontare le tematiche di cui sopra.

casa-circondariale-uta-cagliari-continue-criticità-richiesta-incontro-urgente

 

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *