• carcere-3

Casa Circondariale Velletri – Sicurezza sul lavoro

Egregio Direttore,
durante la visita sui luoghi di lavoro effettuata recentemente, la scrivente Segreteria Regionale ha
potuto riscontrare diverse anomalie a livello di sicurezza sul lavoro.
Si è notato in particolare come la Sala Regia del nuovo Padiglione, dove svolgono servizio
due addetti, sia assolutamente carente di finestre, cosa questa che non permette alcun ricambio
d’aria, essendo la stanza chiusa per tutto il turno.
A tal proposito sarebbe pertanto auspicabile l’installazione di un condizionatore inverter
caldo/freddo, che possa essere sfruttato in tutte le stagioni.
Ed ancora, la distanza tra le sedute ed i monitor di controllo della predetta Regia, non
sembra rispettare le disposizioni emanate in materia, motivo per cui se ne chiede la variazione, a
tutela della salute del lavoratore.
Proprio a proposito di ciò, viene riferito che presso codesto Istituto non siano stati eletti i
Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza sul lavoro, come previsto dall’art.47 del D.Lgs 81/08.
E’ superfluo rammentare quanto queste figure siano importanti per monitorare che la gestione
della sicurezza nel luogo di servizio, avvenga nel pieno rispetto delle norme stabilite dal Testo
Unico sulla sicurezza sul lavoro.
Laddove pertanto fosse confermata tale informazione, si invita la S.V. all’indizione
immediata dell’interpello per l’elezione degli RLS.
Ed ancora, all’interno delle sezioni detentive del “vecchio” reparto, si lamenta un clima
inadeguato: troppo freddo d’inverno ed eccessivamente caldo d’estate, cosa questa che com’è
facilmente intuibile, influisce negativamente sull’espletamento dell’attività lavorativa. Anche per
questi luoghi quindi, si richiede l’installazioni di climatizzatori.
Non solo. Pare che i box agenti, siano sprovvisti di microfono (ormai in dotazione in tutti i
carceri italiani), obbligando l’agente di turno a dover uscire ogni qualvolta debba chiamare o

comunicare con un ristretto: Ciò evidentemente, annulla la funzione protettiva del box, ideato
appunto per tutelare l’incolumità fisica del poliziotto all’interno della sezione.
I suddetti box inoltre, andrebbero sottoposti ad una manutenzione ordinaria che pare
essere carente. Viene riportato infatti di impianti elettrici mal funzionanti, a causa dei quali pare
che l’accensione delle luci debba avvenire attraverso l’avvitamento diretto della lampadina!
Ed infine si chiede di fornire gli agenti di sedute più idonee, considerato il fatto che gli stessi
attualmente fruiscono di sedie da giardino in plastica, scomode, poco resistenti, fredde e
sicuramente inadatte all’ambiente.
Certi dell’attenzione che la S.V. vorrà dedicare alle problematiche evidenziate, allo scopo di
migliorare l’ambiente di lavoro, tanto per il bene del Personale che dell’Amministrazione stessa, si
attende un cortese cenno di riscontro.
Distinti saluti.

Casa Circondariale Velletri – Sicurezza sul lavoro

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *