• 160_anniversario_onorificenze_art

Casa di Reclusione di Milano Bollate – Proposta promozione al grado superiore per merito straordinario – Personale di Polizia Penitenziaria in servizio presso la M.O.F.

Egr. Sig. Direttore,
come è noto, tra i riconoscimenti premiali concessi dall’Amministrazione
Penitenziaria al personale, in funzione di particolari e importanti servizi resi a tutela
dell’ordine, della disciplina e della sicurezza all’interno degli Istituti di Pena (non
solo), il più prestigioso è senz’altro la promozione al grado superiore per meriti
eccezionali per cui il poliziotto penitenziario che ne viene riconosciuto degno, ha
facoltà di indossare il grado superiore.
La ricompensa della promozione per merito straordinario viene conferita al
personale del Corpo di Polizia Penitenziaria che nell’esercizio delle funzioni abbia
compiuto operazioni di servizio di particolare rilevanza, dando prova di eccezionale
capacità e dimostrando di possedere qualità tali da dare sicuro affidamento di
assolvere lodevolmente le funzioni della qualifica superiore, ovvero abbia corso
grave pericolo di vita per tutelare la sicurezza e l’incolumità pubblica, ovvero abbia
conseguito eccezionali riconoscimenti in attività attinenti ai loro compiti.
Da anni, tutto il personale di Polizia Penitenziaria addetto alla M.O.F (Manutenzione
Ordinaria Fabbricati) , nell’esercizio delle loro funzioni, hanno compiuto operazioni
di servizio di particolare importanza, dando prova di eccezionale capacità, e corso
grave pericolo di vita per tutelare la sicurezza e l’incolumità pubblica, dimostrando
di possedere le qualità necessarie per bene adempiere le funzioni della qualifica
superiore.
Il suddetto personale infatti ha conseguito eccezionali riconoscimenti in attività
attinenti ai loro compiti, dando particolare risalto e prestigio all’Amministrazione
Penitenziaria, tanto che il Carcere di Milano Bollate ne è il fiore all’occhiello.
La promozione per merito straordinario si ricollega quindi alla straordinaria
rilevanza delle operazioni di servizio compiute sotto il profilo dei risultati conseguiti,
nonché alla dimostrazione, da parte degli interessati, del possesso di risorse
personali e professionali fuori del comune ed assolutamente eccezionali.
Ai fini della attribuzione della promozione al grado superiore, per i fatti che di
seguito verranno rappresentati per la proposta di conferimento del riconoscimento
premiale, si chiede alla S.V.I. di voler esaminare con particolare dovizia il
comportamento dei dipendenti, i quali sicuramente hanno evidenziato
professionalità, sprezzo del pericolo e spirito di abnegazione, sulla base di

parametri valutativi tesi a rilevare livelli di eccezione delle qualità personali e
professionali rispetto all’ordinarietà dei compiti istituzionali affidati agli
appartenenti alla Polizia Penitenziaria.
Si elencano le operazioni di servizio di particolare importanza svolte dal personale
della M.O.F. del carcere di Milano Bollate:
quando il Personale di Polizia Penitenziaria e la popolazione detenuta rimangono al
buio per alcune ore, perché si è creato un disservizio improvviso dovuto a problemi
tecnici che ha messo inevitabilmente in subbuglio la struttura detentiva, il Personale
di Polizia Penitenziaria addetto alla M.O.F. nonostante non sia un compito di loro
pertinenza (dovrebbe recarsi una ditta specializzata) ovunque si trovi (spesso
anche fuori servizio) al fine di garantire ordine, disciplina e sicurezza all’interno del
carcere, ha fatto il possibile per ridurre al minimo i disagi ed evitare ulteriori
conseguenze, ripristinando e riattivando l’impianto elettrico, correndo grave
pericolo di vita per tutelare la sicurezza e l’incolumità di tutti – Cablaggio reti in
fibra ottica (officina regionale) – Riparazione di tutte le perdite di vapore
nell’anello principale (inserita nella manutenzione ciclica annuale) – Realizzazione
di chiamata citofonica presso i reparti detentivi – Realizzazione video sorveglianza
con registrazione visualizzabile anche tramite rete LAN interna, per controllo (dal
piano terra) ai piani detentivi – Realizzazione video sorveglianza con possibilità di
controllo tramite rete LAN interna, armeria individuale e armeria centrale –
Realizzazione Tv a circuito chiuso (per la visualizzazione di eventi sportivi tramite
scheda a pagamento) presso le sale socialità dei piani detentivi con sistema di
controllo totale e non baipassabile, e con possibilità di oscuramento delle immagini
in modo separato per piano – Rifacimento impianti di scarico, carico e riscaldamento
cucina 2°reparto – Rifacimento impianto di carico e riscaldamento mensa agenti –
Riparazione dilatatori e perdita acqua calda sanitaria anello principale –
Integrazione sistema di ricircolo sottocentrale termica nuovi padiglioni –
Riparazione guaina catramata per tamponamento infiltrazioni acqua piovana
(inserito nella manutenzione ciclica annuale) – Riparazione pluviali per eliminazione
infiltrazioni acqua piovana (inserita nella manutenzione annuale fino a termine
lavori) – Rifacimento tratta di anello principale ACS reparto femminile –
Posizionamento crepuscolari (inserita nella manutenzione annuale fino a
completamento impianti) – Duplicazione chiavi in ottone per serrature istituto e
chiavi doppia mappa Juwel – Predisposizione per forni piani detentivi – Realizzazioni
di nuovi punti rete al fine di ottemperare alle richieste dell’ospedale San Paolo –
Ripristino riscaldamento UTA presso la cucina 4°reparto in ottemperamento delle
indicazioni ASL – Realizzazione di due locali in cartongesso, uno adibito a
servizio (con dimensioni 1.80×1.60 ) piastrella e dotato di wc e lavandino, e uno

(con dimensioni 3.20×4.20) atto a garantire un controllo igienico dei generi
alimentari introdotti tramite pacco, e stato piastrellato, arredato con lavello in
acciaio e relativo pianale di appoggio , per consentire il lavaggio delle stoviglie ad
ogni controllo – Nel locale e stata realizzata una feritoia con pianale a rulli, in modo
da avere un’introduzione discreta e un passaggio, dalla bilancia all’operatore
preposto per il controllo, senza sollevamento di pesi eccessivi.
Alla luce di quanto sopra descritto, si chiede alla S.V.I. di voler valutare se l’attività
del personale di polizia penitenziaria sopra indicato sia effettivamente meritevole,
per la sua rilevanza all’interno della struttura, di tale speciale ed eccezionale
riconoscimento, e nel caso di esito positivo, avviare l’istruttoria per la concessione
della ricompensa in premessa all’Autorità competente.
Resta pertanto nell’attesa di conoscere le iniziative che si riterrà di adottare, con
l’occasione si porgono distinti saluti.

Casa di Reclusione di Milano Bollate – Proposta promozione al grado superiore per merito straordinario – Personale di Polizia Penitenziaria in servizio presso la M.O.F.

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *