• Festa-dei-lavoratori

Casa di Reclusione di Milano Bollate – super festivo 1° maggio 2016 – Personale di Polizia Penitenziaria Femminile in servizio presso gli uffici – programmazione servizio notturno presso il reparto femminile – richiesta chiarimenti

Egregio Sig. Direttore
Su espressa segnalazione della struttura territoriale di Milano Bollate, la scrivente O.S. con
riferimento alla nota meglio specificato in oggetto, deve necessariamente ancora una volta
intervenire per denunciare le innumerevoli sequenze di questioni che hanno portato cospicue
richieste alla C.A.R., specificatamente per delle situazioni di cattiva organizzazione del lavoro del
personale di polizia penitenziaria in servizio presso la struttura da Lei diretta.

Fatta questa breve premessa, e venendo alla doglianza rappresentata dal personale, è stato riferito
che un’unità di polizia penitenziaria femminile impiegata presso l’Ufficio Conti
Correnti avrebbe richiesto di poter espletare il turno notturno giorno 1° maggio 2016, e che
il Comandante di Reparto “giustamente” non avrebbe ritenuto di dover accogliere tale richiesta in
quanto il reparto femminile era già coperto con altro personale.
L’unità di polizia penitenziaria femminile in questione, indubbiamente a conoscenza del buonismo e
permissivismo che solitamente contraddistingue la S.V., ricevuto il diniego dal Comandante di
Reparto, avrebbe avuto la premura di avanzare altra richiesta allo scopo di svolgere servizio
notturno questa volta presso l’Ufficio Conti Correnti, e che tale richiesta sarebbe stata poi avallata
dalla Direzione.
Considerate le esigenze dell’istituto nonché le normative attualmente vigenti, appare chiaro che se
ciò dovesse corrispondere a realtà, la S.V. si dovrà assumere la responsabilità di tale ed impropria
autorizzazione, non si può “agevolare” un’ unità di polizia penitenziaria per farla lavorare di notte
in ufficio, pagandogli anche il super festivo e NON CERCHI ASSOLUTAMENTE DI
GIUSTIFICARE L’INGIUSTIFICABILE PERCHE’ QUESTA O.S. PROCEDEREBBE SENZA
INDUGIO AD INOLTARE UNA DENUNCIA CIRCOSTANZIATA AI SUPERIORI UFFICI E
ALLA CORTE DEI CONTI.
Per quanto riguarda invece l’utilizzo del personale femminile nel turno notturno, considerato che
per anni la nostra O.S. si è battuta per ottenere un incremento dell’organico del personale
femminile e che nonostante tante lotte l’organico di P.P. Femminile non è ancora al completo, si
chiede che nel turno notturno prestino servizio all’interno del reparto femminile le due unità
previste da accordi sindacali, questo a garanzia della sicurezza del personale in quanto il suddetto
reparto è chiuso dall’interno e in caso di necessità del personale a qualsiasi titolo (vedi un
malessere) potrebbe non essere possibile un intervento in tempi brevi.
La scrivente O.S. precisa fin d’ora che non intende tollerare un’ulteriore eventuale inerzia della
Direzione, essendo la stessa potenzialmente foriera di situazioni critiche (favoritismi e
privilegi illegittimi) che non consentono al personale di polizia penitenziaria di lavorare con
la dovuta serenità e nel pieno rispetto delle regole.
Si chiede pertanto alla S.V. di voler destinare tale unità ad altro posto di servizio
previsto e compatibile con le esigenze di servizio dell’istituto.
In attesa di cortese ed urgente riscontro, si porgono deferenti saluti.

CR Milano Bollate – super festivo 010516 – Personale di Polizia Penitenziaria Femminile in servizio presso gli uffici – progr servizio notturno co il reparto femminile – richiesta chiarimenti

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *