4shared

CASA DI RECLUSIONE ISILI – M.O.S. personale N.T.P.

CASA DI RECLUSIONE ISILI – M.O.S. personale N.T.P.

Egregio Direttore,
Arrivano numerose lamentele del personale di Polizia Penitenziaria che presta servizio presso il locale NTP dell’istituto da Lei diretto. Nello specifico, al personale impiegato nel turno di servizio 8/14 in qualità di scorta o autista del NTP non viene garantito il pasto spettante come previsto dalla normativa vigente. A tal fine è necessario ribadire che la lettera circolare n 144536/4,4 del 05 novembre 1997 ha disciplinato le modalità di accesso alla M.O.S. secondo cui le previsioni contenute nell’Art 1 della legge 18.05.1989 n 203, nel quale ribadisce per il personale operante all’interno dei NTP, rientrino nelle ipotesi di cui alla lettera C dell’Art 1 della legge sopra citata, prevedono l’accesso gratuito alla M.O.S. a prescindere dagli orari dei turni di servizio, quando tale personale è impiegato nel servizio traduzioni e/o piantonamenti, poiché oltre configurarsi la condizione di “impiego” vi è anche la condizione di “disagio ambientale”. Tale aspetto della circolare e della legge chiaramente è riconducibile alla locuzione del servizio ed è da ricondursi esclusivamente al personale del NTP che ha espletato, che sta espletando, che dovrà espletare una traduzione o un piantonamento. Parimenti le successive circolari non sono mai intervenute a modificare quanto anzidetto per il personale che espleta servizio all’interno dei NTP. Opportuno rammentare, qualora ve ne fosse la necessità, che il servizio presso i NTP è un servizio operativo nel quale il personale deve essere prontamente impiegabile non solo per eventuali servizi dell’istituto, come ad esempio visite in urgenza (Art 17OP) o traduzioni non programmate, ma soprattutto perché gli stessi sono alle dipendenze funzionali dell’UST, che per qualsiasi ragione ne può richiedere l’immediato impiego oltre il regolare orario di servizio per rinforzare o supportare altri NTP della Regione. Per queste ragioni questa O.S. ritiene che l’amministrazione abbia il dovere di garantire il pasto al personale in servizio presso l’NTP, in quanto si conosce benissimo l’imprevedibilità della tipologia del servizio.
Parimenti però, eccentricamente, cosa che meriterebbe una sua attenzione, parrebbe che al vice coordinatore il pasto sia garantito quotidianamente, facendo recuperare allo stesso il tempo impiegato per consumare il pasto qualora non venga impiegato per servizi esterni. Per quanto sopra esposto, si chiede un urgentissimo e incisivo intervento risolutivo alla problematica esposta.

casa-di-reclusione-isili-m-o-s-personale-n-t-p