• image

CASA RECLUSIONE DI CARINOLA – Servizio articolato su turni di otto ore, in violazione degli accordi e delle relazioni sindacali

Egregio Sig. Provveditore

La scrivente O.S. è venuta a conoscenza dell’imminente variazione dell’organizzazione del lavoro presso l’istituto di Carinola con l’articolazione dei servizi su turni di otto ore ricorrendo all’impiego di lavoro straordinario programmato, peraltro di incerta copertura finanziaria, in palese violazione delle ordinarie procedure contrattuali sancite sia dal vigente ANQ che dal Protocollo di Intesa Regionale. E’ di tutta evidenza, infatti, che tutto ciò che concerne l’organizzazione del lavoro e quindi la disciplina dell’orario di lavoro è materia di negoziazione e, pertanto, la Parte Pubblica non può assumere autonome determinazioni soprattutto se vanno ad incidere sull’aumento dei carichi di lavoro. La Direzione della Casa Di Reclusione di Carinola, infatti, con un ingiustificato ed illegittimo atto, ha convocato l’intero personale turnista comunicandogli la necessità di passare dagli attuali turni di servizio di sei ore al servizio organizzato su quadranti di otto ore, onde sopperire ad una carenza di organico che, sulla carta, alla luce delle attuali dotazioni organiche non può trovare alcuna legittimazione contabile e/o amministrativa. A ciò si aggiunga che tutte le organizzazioni sindacali, nell’ambito delle ultime due riunioni, tenutesi a distanza di due mesi l’una dall’altra, si sono espresse in maniera netta ed inequivocabile contro il ricorso all’impiego del lavoro straordinario programmato, non ricorrendone i presupposti normativi ed in assenza della necessaria copertura finanziaria. In particolare è stato sottolineato come nello specifico si realizzerebbe un aggravio dei carichi di lavoro non giustificato dagli attuali numeri in ordine alla forza presente che, seppur critici, risultano comunque in linea con le previsioni del D.M. del 02/10/2017 e quindi, in aperto contrasto con i criteri generali per la programmazioni di turni di lavoro straordinario stabiliti dall’art. 4 del vigente P.I.R.. Giova evidenziare, inoltre, che la Direzione in argomento non ha fornito alcun dato di dettaglio attestante la ripartizione dei carichi di lavoro nonostante a più riprese richiesto dalle OO.SS. delegittimando il ruolo delle rappresentanze sindacali, e denotando una mancanza di considerazione delle stesse che congiuntamente hanno bocciato la proposta della Parte Pubblica inerente quanto in argomento. Pertanto, si invita la S.V. ad esercitare i dovuti poteri di controllo e garanzia sospendendo nell’immediatezza la programmazione dei turni di servizio articolati su otto ore invitando detta Direzione a gestire le attuali criticità con un’adeguata organizzazione del lavoro che distribuisca uniformemente ed equamente i carichi di lavoro tra tutto il personale in servizio e non soltanto come accade ora ad una parte di esso aggravandone significativamente le condizioni lavorative, peraltro già disagiate. Si resta in attesa di urgente riscontro, con riserva di intraprendere legittime ulteriori azioni di rivendicazione a tutela dei diritti dei lavoratori con relativa richiesta di attivazione della Commissione Arbitrale Regionale, nell’ottica sicuramente condivisa del miglioramento del benessere organizzativo e lavorativo dei poliziotti penitenziari.

CASA RECLUSIONE DI CARINOLA – Servizio articolato su turni di otto ore, in violazione degli accordi e delle relazioni sindacali

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *