• 1-870x418

Cerimonia Celebrativa del 200° anniversario di fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria – Roma 19 settembre 2017 – Terme di Caracalla. Selezione del personale impiegato per le attività organizzative

Onorevole Ministro Da diverso tempo le Organizzazioni Sindacali sono impegnate in un confronto dialettico con l’Amministrazione Penitenziaria volto a definire un dimagrimento delle strutture extra moenia – su impulso di codesto Ministro – che secondo i dati forniti dalla stessa Amministrazione, risultano essere sovradimensionate rispetto alle reali esigenze. Un sovradimensionamento che si riflette negativamente sugli organici delle sedi periferiche (in estrema sofferenza) in ragione dell’unicità della pianta organica del Corpo. Un progetto di razionalizzazione delle risorse in un’ottica centrifuga che merita ogni elogio e che pare trovare teorica conferma nelle rassicurazioni del Capo del Dipartimento che – ad esempio – proprio ieri, in relazione ai gravi fatti che hanno interessato la Casa Circondariale di Pisa, ha assicurato nel comunicato stampa successivamente diffuso, che Pisa conoscerà un incremento di risorse umane (senza meglio specificare dove saranno reperite) Ma il caso di Pisa non può dirsi un caso isolato, essendo nota e condivisa la carenza di risorse umane nei penitenziari di tutta la Nazione. A fronte di siffatte dichiarazioni e in linea con il progetto di ridimensionamento dello risorse
umane drenate dagli Uffici Centrali, questa Organizzazione Sindacale tutto si attenderebbe tranne
che nuove spinte centripete – come quella di cui si dirà – tesa a sottrarre ancora risorse alla periferia
penitenziaria da far convogliare ancora una volta a Roma, questa volta per le esigenze organizzative
della celebrazione del bicentenario della fondazione del Corpo.
Un contingente di ben 29 unità (quasi tutti funzionari) la maggior parte dei quali impiegati
presso gli istituti Penitenziari, tanto del Nord tanto del Sud Italia, sottratti alle proprie funzioni
tipiche e preminenti, per le esigenze organizzative della cerimonia. Nelle maglie organizzative
prodromi che alla cerimonia già furono movimentate altre unità (tutt’ora impiegate presso il DAP)
degli istituti laziali.
Pur con tutto il rispetto istituzionale possibile per l’evento, non si comprende per quale
motivo le 29 unità necessarie (o almeno la larga parte del contingente) non sia stato individuato fra i
pari ruolo impiegati presso le “sovradimensionate” strutture extra moenia della Capitale, con
conseguente e non marginale risparmio dei costi di missione. A questo punto, o si deve ritenere
incoerente ed inefficace l’azione dell’Amministrazione, o si deve ritenere che lo sbandierato
sovradimensionamento degli organismi centrali sia infondato, di tal ché perderebbe di senso il
progetto di ridimensionamento di cui all’incipit.
Leggendo la questione rappresentata nella stessa ottica degli indirizzi che Ella ha fornito in
tema di razionalizzazione delle risorse umane, si ha certezza che vorrà far luce sulla vicenda, quale
segnale di doverosa vicinanza a tutto quel personale impiegato in prima linea negli istituti
penitenziari.

170831_ministro_impiego-commissari-bicentenario

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *