• index

COMUNICATO – Rimodulazione degli organici del Lazio, Abruzzo e Molise: incontro con le OO.SS.

E’ terminato da poche ore l’incontro svoltosi presso la sede del Provveditorato di Roma, relativamente alla rimodulazione degli organici degli Istituti penitenziari siti nelle regioni Lazio, Abruzzo e Molise.
L’Amministrazione ha presentato una rideterminazione dei numeri, basandosi su uno studio svolto da una commissione appositamente costituita che, negli ultimi mesi, rapportando le presenze di detenuti ed agenti, ha sviluppato l’organico ideale per ogni Istituto.
Agli occhi del SiNAPPe però, il risultato finale non appaga a pieno le esigenze reali, diverse da quelle presentate su carta!
A tal proposito la delegazione SINAPPE ha formulato diverse richieste, atte a modificare adeguatamente i numeri proposti.
Innanzi tutto è stata richiesta l’istituzione di una Commissione ad hoc che individui i posti di servizio effettivi in ogni penitenziario, così da cogliere una fotografia realistica delle esigenze proprie di ogni singolo carcere.
Durante questo studio si dovrà tenere conto anche di quelli che sono i diritti dei lavoratori, motivi di assenza giustificata (dal riposo, ai permessi legge 104, permessi studio, ecc.) che permetteranno di avere la corretta prospettiva di quante unità vengono impiegate giornalmente.
Ed ancora, concertare una sorta di vademecum relativo alla omogeneità delle cariche fisse in rapporto al numero dei detenuti presenti, uguale per tutti gli istituti e tenendo conto delle diverse tipologie trattate.
In definitiva quello che ha richiesto il SiNAPPe è una mappatura concreta, reale e fattiva sulla quale basarsi per una determinazione adeguata ed imprescindibile dei nuovi organici.
L’Amministrazione, dal canto suo, si è mostrata interessata alle proposte avanzate, lasciando intendere che farà presto conoscere le determinazioni assunte in merito.
Vi terremo aggiornati sugli sviluppi.

comunicato-incontro-prap-lazio-rideterminazione-organico-20-09-17

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *