• Modena CC

COMUNICATO SIT-IN CASA CIRCONDARIALE DI MODENA 13/10/2016

In data di oggi, dalle ore 10 alle ore 12 dinanzi al Carcere di Modena si è svolto un sit-in di protesta, con una
partecipazione di personale inaspettata, segno inequivocabile di vicinanza ed apprezzamento del lavoro
svolto dal SiNAPPe, per sollecitare l’Amministrazione Penitenziaria a farsi finalmente carico dei seguenti
problemi:
1) DISCUTIBILE GESTIONE DELL’ISTITUTO: le relazioni sindacali con l’Autorità Dirigente sono da tempo
interrotte a seguito dell’emanazione di una serie di ordini e disposizioni di servizio che hanno
compromesso, a nostro avviso, il corretto andamento del servizio;
2) CARENZA DI PERSONALE in tutti i ruoli: occorrerebbero almeno 50 unità, di cui 10 del ruolo Agenti
Assistenti dell’aliquota femminile, 20 dell’aliquota maschile e 20 Sottufficiali per la gestione di due
padiglioni detentivi da circa 450 reclusi;
3) MOVIMENTAZIONE DETENUTI IN REGIONE: detenuti che si sono resi protagonisti di gravi atti di
disturbo ed oltraggio a carico del personale di Polizia Penitenziaria non vengono trasferiti in altri
Istituti del Distretto Emilia Romagna e Marche, malgrado il reiterarsi delle loro condotte infrattive;
4) CARICHI DI LAVORO insostenibili: in particolar modo presso la 4° sezione a custodia chiusa, ove
un’unica unità deve gestire detenuti protetti, facinorosi e con divieti d’incontro tra loro;
5) FORMAZIONE: mancanza di formazione specifica per la gestione delle nuove modalità custodiali nei
reparti detentivi (sorveglianza dinamica);
6) CARENZA PERSONALE SANITARIO: nel turno serale vi è un solo infermiere che non può garantire
contemporaneamente la somministrazione della terapia ambulatoriale (compresa quella
psichiatrica), la gestione di eventuali e frequenti emergenze e l’accoglienza dei detenuti nuovi giunti;
7) FATISCENZA POSTI DI SERVIZIO: con particolare riferimento al box agenti dell’area passeggi del
reparto femminile pericolante ed indecoroso e sedie e scrivanie dei box agenti in condizioni pietose;
8) UNIFORME DI SERVIZIO: da anni il personale non viene fornito dei capi di vestiario previsti, tanto da
essere costretto a commissionare, a proprie spese, costosi interventi di rattoppo e cucitura presso
sartorie e calzolai presenti in città.
Abbiamo, infine, colto l’occasione per sottolineare l’apprezzamento per l’opera di mediazione intrapresa dal
Comandante di Reparto che intensificando le occasioni di confronto col personale e anticipando di fatto i
contenuti della recente circolare GDAP 0334036 del 11/10/2016 in merito alle procedure di raffreddamento dei
conflitti tra il personale, ha offerto un sapiente esempio di compartecipazione e di compenetrazione a cui
l’Amministrazione tutta dovrebbe tendere, facendo tesoro delle intelligenze di tutti gli addetti ai lavori e
riconoscendo il giusto rilievo ai suggerimenti provenienti da esperienze dirette sul campo.

COMUNICATO SIT-IN CASA CIRCONDARIALE DI MODENA 13.10.2016

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *