• carcere_sp

COMUNICATO UNITARIO – CASA CIRCONDARIALE DI LA SPEZIA – Detentuto tenta di strangolare agente di Polizia Penitenziaria

Una gravissima aggressione quella subita da un Agente di Polizia
Penitenziaria in servizio al Villa Andreino di La Spezia – commentano i
segretari regionali ( PAGANI – DIPALMA – MUSSO ) rispettivamente di
UIL – SINAPPE e USPP – un detenuto sudamericano , alle ore 15, ristretto
presso terza sezione secondo piano ha aggredito prendendo di sorpresa e
alle spalle l’agente di Polizia Penitenziaria addetto alla vigilanza del Piano
detentivo , l’ha preso per il collo tentando di strangolare il malcapitato
agente – precisano i sindacalisti – la fortuna ha voluto che in quel
momento l’infermiera addetta alla somministrazione della terapia ha visto
tutto ed è riuscita a dare l’allarme – prima i detenuti, una quarantina circa
che hanno liberato dalla morsa il Poliziotto, che è riuscito così ad aprire il
cancello, permettendo l’intervento del personale di Polizia Penitenziaria,
ripristinando l’ordine e la sicurezza interna al reparto; il Poliziotto
prontamente soccorso da personale sanitario è stato trasferito con
urgenza al Pronto Soccorso di La Spezia – quanto accaduto aggiungono i
sindacalisti è gravissimo, soprattutto l’Amministrazione non può adesso
sottrarsi alle proprie responsabilità – una Direzione totalmente assente che
lascia il personale di Polizia Penitenziaria in balia delle onde , del pericolo
– in queste condizioni con 232 detenuti presenti ( 150 capienza regolare )
e una carenza di circa 50 Poliziotti Penitenziari non si può andare a
lavorare – con la certezza del pericolo – rischiando la vita in un semplice
turno di servizio – la leggerezza della Direzioni nei confronti dei detenuti
violenti e la sua azione disciplinare carente , mette in serio rischio sia la
sicurezza dell’istituto e la vita dei poliziotti – se non ci saranno interventi
seri daremo vita a forti azione di proteste, anche con l’autoconsegna.

spezia-comunicato-stampa-congiunto

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *