• getdoc_news_imm.php

FESI 2017: GLI ESITI DEL PRIMO INCONTRO AL DAP

Si è svolto nella giornata odierna il primo incontro “esplorativo” in relazione al progetto di distribuzione del Fondo Efficienza relativo all’anno 2017. L’idea è quella di giungere alla sottoscrizione di una preintesa entro la fine dell’anno in corso così da poter fornire al personale una road maps sulla quale orientare il proprio percorso lavorativo dell’anno venturo avendo contezza dei riconoscimenti che saranno attribuiti ai propri livelli di produttività. Una bozza “innovativa” quella presentata dall’Amministrazione che tuttavia è stata criticata per farraginosità nell’attribuzione dei benefici e dunque destinata ad essere rivista e snellita onde consentire una reale incentivazione al servizio che rischierebbe di minimizzarsi qualora eccessivamente parcellizzata. Quella che può essere considerata come la maggiore innovazione su cui si sta ragionando è l’inversione di tendenza in merito alle modalità di calcolo: pare sia destinato ad andare in pensione il vecchio conteggio mensile per lasciare il posto a soglie annuali che, tuttavia, così come da proposta dell’Amministrazione, appaiono eccessivamente alte, tanto da compromettere l’accesso al beneficio. Ferma è stata la posizione di questa O.S. rispetto al necessario abbassamento delle soglie di accesso proponendo un limite minimo oltre il quale l’attribuzione del beneficio dovrebbe essere giornaliero, così da incentivare in maniera concreta i singoli livelli di produttività. Altra novità che fa capolino nella prima bozza 2017 è quella degli obiettivi che i Comandati di Reparto dovranno raggiungere per l’attribuzione del benefit. Ora, se è condivisibile il ragionamento in linea teorica, medesima condivisione non si può esprimere in merito alla tipologia di obiettivo (quello proposto dall’Amministrazione è l’abbattimento del 70% dei congedi arretrati). Posto che la bozza di intesa non era accompagnata da tabelle contenenti monitoraggi (che sono stati formalmente richiesti per una prossima analisi) circa lo stato dei congedi arretrati sul territorio nazionale – anche al fine di evitare disomogeneità di obbiettivi – a parere di questa O.S. l’obbiettivo dovrebbe essere legato al miglioramento delle condizioni di lavoro (organizzazione del lavoro in senso stretto ma anche standard di sicurezza e salubrità dei luoghi) e non fissato a numeri a parametri algebrici che rischiano di svuotare gli istituti e di aggravare oltremodo il carico di lavoro del personale in servizio. Questa la filosofia del Si.N.A.P.Pe: equità, reale incentivazione del disagio, obbiettivi di miglioramento della qualità del lavoro! Così ha senso parlare di un progetto innovativo; così si riempie di contenuti la parola “Efficienza” cui si ricollega il fondo. Il tavolo sarà riconvocato entro al fine di settembre con riserva dell’Amministrazione di vagliare i contributi forniti dalle Organizzazioni Sindacali in questa sede e proporre una nuova bozza corredata dalle richieste modifiche. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi Saluti

309_160907_Fesi 2017

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *