• foto-aerea

II Casa di Reclusione di Milano Bollate – Problematiche centralino

Egr. Direttore,
è stato segnalato a questa Organizzazione Sindacale sia dal personale
dipendente che dagli stessi addetti al centralino che vi sono problematiche
giornaliere riguardanti le linee telefoniche dell’istituto.
Per quanto riguarda il personale dipendente, la doglianza più diffusa e richiesta
è quella relativa alla difficile comunicazione con gli uffici addetti per
comunicare le assenze dal servizio; al contrario le lamentele che giungono dal
personale addetto a tale ufficio riguardano il cattivo funzionamento
dell’apparato telefonico.
Da quanto abbiamo appreso dalle lamentele, la Direzione è da diversi mesi
forse un anno che è a conoscenza di tale problematica, riguardante il mal
funzionamento dell’apparato elettronico del suddetto ufficio.
Se non bastasse, nonostante sia stata segnalata da tempo l’anomalia
funzionale alle linee dell’apparecchio di contatto telefonico, non è stato ancora
preso alcun provvedimento dalla Direzione, che si trincera dietro alle solite
(probabilmente anche vere), scusanti riguardo alla mancanza di fondi sul
capitolo spesa.

Questa O.S. ritiene che il personale debba essere sempre tutelato e ad esso
garantito di lavorare in postazioni efficienti ed al sicuro dalla possibile
commissione di errori, pertanto si chiede di adottare velocemente le seguenti e
possibili soluzioni:
1. Procedere urgentemente alla sostituzione dell’apparecchiatura telefonica
difettosa, richiedendo agli uffici competenti i fondi che “sembrerebbero”
non esserci.
Al Signor Provveditore che legge la presente per conoscenza, si chiede che in
relazione al punto sopra descritto, qualora riceva o avesse ricevuto dalla
Direzione di Bollate richiesta di fondi per la sostituzione dell’apparato
centralino, se ne faccia immediatamente carico nella consapevolezza
dell’importanza della questione.
In attesa di urgente e formale riscontro, si porgono cordiali saluti.

II Casa di Reclusione di Milano Bollate – Problematiche centralino

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *