• RISCALDAMENTO-AUTONOMO

II.PP. di Parma – riscaldamento posti di servizio

Egregio Direttore,
con l’arrivo dell’autunno, si ripresenterà, come ogni anno, il problema dell’impatto delle temperature
che andranno progressivamente irrigidendosi sulla qualità del servizio nei reparti detentivi in quanto i
termosifoni ivi presenti sono da sempre completamente spenti da prima della mezzanotte e fino a circa le
06 del mattino (a differenza degli altri istituti della regione ove ci risulta essere garantita una fascia oraria
notturna di accensione), mentre i climatizzatori, ove funzionanti, di notte non riscaldano adeguatamente.
Ancora più allarmante è la situazione sul muro di cinta, ove nei mesi freddi vengono installate piccole
stufette (tipo caldobagno) che garantiscono, durante i periodi di sosta temporanea nelle garitte, di non
patire oltremodo il freddo, ma che, a causa della scarsa qualità delle stesse, spesso smettono di
improvvisamente di funzionare, costringendo il personale in servizio a patire temperature stagionali che in
inverno scendono anche sotto lo zero.
Ricordiamo che solo delle stufe a gas di buona qualità, installate e poi inspiegabilmente rimosse qualche
anno fa, avevano risolto definitivamente il problema dell’esposizione alle avversità climatiche nelle garitte
poste sul muro di cinta, in quanto anche i climatizzatori presenti all’interno delle stesse, oltremodo utili in
estate anche se visibilmente usurati e scarsamente manutenuti, in inverno, oltre a non riscaldare
adeguatamente l’ambiente, quando le temperature si abbassano oltremodo si arrestano improvvisamente
ed a lungo.
Le chiediamo, pertanto, di voler intervenire per tempo al fine di garantire nei mesi freddi, nelle sezioni
detentive così come nelle garitte ed in tutti gli altri posti di servizio, le prescritte condizioni
microclimatiche, in attuazione delle vigenti norme in materia di sicurezza e salubrità degli ambienti di
lavoro.
Distinti Saluti.

II.PP. di Parma – riscaldamento posti di servizio

 

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *