• carcere-reggio-emilia

II.PP. di Reggio Emilia – esito visita sui luoghi di lavoro

Egregio Provveditore,
in data 30/10/2015 una delegazione di questa O.S., composta dal sottoscritto Segretario
Regionale, dal Coordinatore Nazionale e dai Segretari operanti in loco ha fatto visita agli II.PP. di
Reggio Emilia.
Con la presente siamo a rappresentarle quanto riscontrato nel corso di tale visita al fine di
individuare, nei limiti del possibile, soluzioni condivise per il superamento delle problematiche
registrate e già segnalate in quella sede.
L’impressione generale che abbiamo avuto è di un Istituto curato e ma disorganizzato nel
quale non si è ancora superata la dicotomia tra Casa Circondariale ed OPG, con tutto ciò che ne
consegue nella gestione dei detenuti che sembra essere fuori controllo (solo durante la visita si
sono verificati 3 o 4 eventi critici) e del personale che lavora senza più certezze e con una generale
sfiducia e rassegnazione, dovuta anche alle vicissitudini giudiziarie che vedono ancora coinvolti
alcuni poliziotti in servizio presso tale Istituto.
Abbiamo, inoltre, riscontrato le seguenti problematiche:
1. Carenza di funzionari: al momento ve ne è solo uno che non risulta essere nemmeno titolare della
sede e del ruolo di comando;
2. Necessita di chiusura dei soggetti psichiatrici presenti presso la sezione Centauro, come
sembrerebbe sia stato sollecitato anche dall’area sanitaria;
3. Assenza dei dispositi antiagressione per il personale di polizia penitenziaria in servizio nel
reparto centauro;
4. Mancata revisione delle tabelle di consegne delle UU.OO. ex OPG e CC, alla luce della modifica delle
modalità custodiali;
5. Non siamo riusciti a comprendere di chi sia la responsabilità della sorveglianza dinamica in alcuni
reparti, ad esempio, al 5° reparto, ove dalle 15 (a volte anche prima) alle 18 circa, il personale di
polizia penitenziaria non è presente ed il reparto è video sorvegliato dal piano terra con relativa
apertura automatica del cancello d’ingresso sezione;
6. L’impianto di riscaldamento del reparto femminile non funziona, circostanza che rende tale reparto
non agibile e che ce ne porta a chiedere l’immediata chiusura;
7. Manca la prevista sezione ex art. 32, in quanto non può essere considerato tale il braccetto ricavato
allo scopo dall’ex sezione isolamento, non idoneo per diverse ragioni che un eventuale sopralluogo
dei tecnici del Prap confermerebbe certamente;
8. Il programmato mensile viene affisso il giorno prima dell’inizio del mese, in violazione delle vigenti
norme contrattuali che prevedono l’affissione con almeno una settimana di anticipo rispetto al
primo giorno del mese successivo;
Nella certezza che codesto Provveditore saprà dare il giusto impulso alla direzione degli
II.PP. di Reggio Emilia per una pronta risoluzione delle problematiche su enunciate, si resta in
attesa di conoscere le iniziative che saranno intraprese nel merito.
In attesa di riscontro, si porgono distinti saluti

II.PP. di Reggio Emilia – esito visita sui luoghi di lavoro

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *