• UFF56851_d4

II.PP. Parma – Emanazione disposizione servizio regime aperto

Egregio Direttore,
facendo riferimento alla nota prot. n° 84/2016/SR-ER della nostra segreteria
regionale, della quale si richiamano integralmente i contenuti, sentiamo la
necessità d’intervenire, a seguito delle ulteriori modifiche alle modalità custodiali
at tuate presso la locale Casa Circondariale e la conseguente modifica
dell’organizzazione del lavoro del personale di polizia penitenziaria.
Questa O.S. ha sollecitato in più occasioni un intervento risolutivo che ponesse
rimedio alle gravi problematiche riscontrate presso la locale Casa Circondariale, o
Media Sicurezza che dir si voglia, rendendosi disponibile a valutare ed avallare
eventuali proposte fat te pervenire preventivamente dalla Direzione, ancorché non
discusse al tavolo sindacale, viste le difficoltà riscontrate nel corso del piano ferie
estivo ad organizzare un incontro con le OO.SS. territoriali.
Abbiamo, pertanto, accolto con favore l’emanazione della disposizione di servizio
con la quale è stata disposta una temporanea “apertura”, dalle ore 11:30 alle ore
15:30, anche del lato “B” della Media Sicurezza, anche se ci saremmo aspet tati una
preventiva informazione alle OO.SS. come previsto dalle vigenti norme contrat tuali.
Nell’auspicare che tale “apertura” sia confermata anche dopo la fase
sperimentale, come più volte richiesto da questa O.S., riteniamo che “a regime”
sia, però, necessario:
1. effettuare una valutazione preventiva tra i detenuti ristretti, valutando la
necessità di separare dagli altri i numerosi reclusi destinatari di
provvedimenti di grande sorveglianza per at ti etero/aggressivi e/o rischio
evasione, nonché eventuali detenuti appar tenenti al circuito “Z ” e 14 bis che
non dovrebbero avere alcun contat to con il resto della popolazione
detentiva, esigenza IMPOSSIBILE da salvaguardare nei momenti di totale
apertura della sezione;
2. riaprire l’IRIDE CC dopo aver riaperto l’IRIDE CR, in modo da gestire al meglio
eventuali eventi critici;

3. salvaguardare la sicurezza e l’integrità psicofisica del personale impiegato
nelle sezioni detentive, garantendo la chiusura della porta interna del box
agenti e la conseguente predisposizione di una apertura dall’esterno,
prevedendo che, nei momenti in cui le sezioni siano interamente aperte, si
possa accedere solo in regime di sorveglianza dinamica at traverso una
pattuglia costituita da preposto e almeno due unità di polizia penitenziaria;
4. predisporre proposta di revisione dei posti di servizio, sollecitata in diverse
circostanze dal superiore Prap e modificare le vigenti tabelle di consegna,
assolutamente inattuabili.
Siamo, in sostanza, a chiederLe di voler rivedere l’at tuale disposizione di servizio
emanata che modifica, seppur temporaneamente oltre che coraggiosamente, le
modalità custodiali e l’organizzazione del lavoro all’interno delle sezioni detentive
del lato “B” della locale Casa Circondariale, garantendo “a regime” l’at tuazione dei
recentissimi provvedimenti di ALLERTAMENTO sull’infiltrazione del radicalismo
islamico nelle Carceri Italiane e delle vigenti circolari dei superiori uffici in merito
alla classificazione e separazione dei detenuti e all’osservazione di chi sia dotato di
una pericolosità e di una tendenza all’aggressività e alla prevaricazione tale da dover essere gestito
con maggiore attenzione custodiale.
In ogni caso questa O.S. ritiene condizione necessaria ed imprescindibile alla
“apertura” delle sezioni detentive l’istituzione della sorveglianza dinamica, affinché
l’unità attualmente addet ta alla vigilanza ed osservazione della sezione detentiva
non sia costret ta a brancolare indifesa fra 50 detenuti neppure selezionati in base
al comportamento intramurario.

II.PP. Parma – Emanazione disposizione servizio regime aperto

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *