• formazione

III CASA CIRCONDARIALE DI ROMA REBIBBIA – corso HCCP – Sollecito – Replica

Egregio Provveditore, preso atto del riscontro ricevuto, che riporta pari pari quanto già riscontrato dalla Direzione dell’Istituto interessato, la scrivente tiene ad evidenziare che quanto dichiarato non corrisponde assolutamente al vero. Innanzi tutto la partecipazione al Corso non è stata anticipata ai poliziotti che hanno appreso la notizia direttamente dalla lettura del servizio, non avendo quindi chiari i criteri di scelta adottati. Solo quando gli stessi hanno fatto ingresso nel locale adibito alla lezione hanno scoperto che metà della “classe” era formata dalla popolazione detenuta, cosa questa che ha stupito negativamente gli operatori penitenziari che comunque, ligi e professionali al loro servizio, hanno eseguito il compito impartito. Certo è che la suddivisione con l’utenza detenuta, non è stata frutto di un organizzazione logistica studiata dalla Direzione, bensì di un scelta autonoma del Personale. Ed ancora non vi è notizia alcuna di altre attività svolte presso il Penitenziario in parola che abbiano visto la compartecipazione tra detenuti e Personale di polizia penitenziaria durante il servizio. Unico esempio di quanto descritto infatti, riporta ad un singolo episodio in cui un sottufficiale del Corpo ha deciso autonomamente e libero dal servizio di partecipare ad una prova musicale al fine di sostituire una indispensabile unità mancante del gruppo di musicisti/detenuti. Stante infatti la peculiarità del lavoro svolto, è più che palese l’inopportunità etica di una compartecipazione in qualsiasi attività con la popolazione detenuta. Auspicando quindi che quanto accaduto non abbia più a verificarsi, nel rispetto della dignità del poliziotto penitenziario che ogni giorno sostiene oneri lavorativi ai limiti del sopportabile, si porgono distinti saluti.

III CASA CIRCONDARIALE DI ROMA REBIBBIA – corso HCCP – Sollecito

III CASA CIRCONDARIALE DI ROMA REBIBBIA – corso HCCP – Sollecito – Replica

 

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *