• Beccaria-Milano

IPM MILANO – violazioni art.10 P.I.R. (turni di servizio) – richiesta annullamento Ordine di Servizio n° 09 del 15/11/2016

Egregio Dirigente,
la scrivente Segreteria Regionale in intestazione, con la presente, vuole sottoporre alla Sua cortese
attenzione quanto ci viene segnalato dal personale di Polizia Penitenziaria colà in servizio. Alla luce
delle continue assenze che si stanno registrando a vario titolo,presso l’Istituto in argomento,e in
virtù del rientro volontario di cinque appartenenti al ruolo Agenti/Assistenti presso le sedi per adulti
di appartenenza che hanno aggravato la carenza d’organico, il personale viene costantemente trattenuto in servizio oltre le nove ore, in palese violazione di quanto previsto all’art. 10 del P.I.R.
(sottoscritto presso Codesto Centro dalle Organizzazioni Sindacali e la Parte Pubblica).
E’ pur vero che gli Organi deputati alla gestione delle risorse umane debbano attingere da qualche
parte il personale per coprire le postazioni di servizio, ma è anche vero che “ la coperta è corta” e
pertanto non si possono sottoporre i lavoratori e le lavoratrici a situazioni aberranti e nefaste.
Altra situazione che urge porre alla Sua attenzione è l’Ordine di Servizio indicato in oggetto,
emanato dal Direttore Reggente: non è assolutamente possibile che il personale, oltre al quotidiano
sovraccarico di lavoro, in un contesto sempre di più precario sia sotto il profilo della sicurezza
quanto quello gestionale, debba anche verificare e segnalare le eventuali mancanze di effetti
letterecci appartenenti ai detenuti, altrimenti intimidito da “vengono valutate le opportunità di
intraprendere azioni disciplinari” solo perché è scomparso un numero ingente ed anomalo di
effetti.
Quanto sopraccitato, a parere di questa Organizzazione Sindacale, non rientra nei compiti vigenti
del personale addetto alla vigilanza ed osservazione nei gruppi detentivi soprattutto alla luce del
pesante carico di lavoro profuso ogni giorno nonché alla presenza di un solo agente per gruppo
detentivo che espleta il proprio mandato con autentica abnegazione e non come si suol dire:
“facendo le belle statuine”.
P.Q.M. si chiede l’immediata sospensione del suddetto Ordine di Servizio con attività
risolutive che la Direzione deve mettere in atto.
Rispetto ai due quadri sopraccitati ,fortemente stigmatizzati da questa Organizzazione Sindacale
nella presente missiva, e nelle more di un Suo serio ed autorevole intervento, ci riserviamo di
coinvolgere, laddove non vengano sortiti gli effetti, le sedi istituzionali e legali di competenza al
fine di tutelare la dignità della Polizia Penitenziaria .
In attesa di un cortese celere riscontro, distinti saluti.

nota sindacale SiNAPPe del 16 novembre 2016

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *