• carcere-via-burla-870x418

Istituti Penitenziari di Parma – nota n° 12788 del 16.03.15 – Informazioni su CAR

Egregio Direttore,
abbiamo appena letto la nota di cui all’oggetto inviata dalla S.V. al Provveditorato
Regionale dell’Emilia Roamagna, con la quale si ribadiscono le motivazioni per cui si è
deciso di implementare il numero degli ispettori in alcune UU.OO., non osservando
nulla, però, sulla questione della necessità di concoradare con le OO.SS. la relativa
modifica dell’organizzazione del lavoro.
Si argomenta ancora sulla funzione dell’ispettore inserito all’interno dell’Ufficio
Servizi, asserendo che lo stesso svolga il ruolo di responsabile dell’ufficio servizi
centrale, funzione che si riferisce sarebbe già stata svolta in passato da altro ispettore,
già referente informatico per il personale di polizia penitenziaria.
Sul tema si precisa che dell’esistenza del ruolo di responsabile dell’ufficio servizi
centrale abbiamo avuto contezza, per la prima volta, visionando il prospetto sulla
pianta organica suddivisa per UU.OO., inviata alle OO.SS. quale informazione preventiva
degli incontri sindacali per la stipula del PIL.
Difatti, la Direzione di Parma, prima dell’invio di tale prospetto, non aveva informato
le OO.SS. dell’istituzione di tale funzione in seno all’ufficio servizi e, pertanto, questa
O.S. avrebbe in sede di trattativa per il PIL chiesto di conoscere le ragioni che avevano
convinto la Direzione a implementare arbitrariamente l’organico dell’ufficio servizi con
tale figura.
In verità, la questione sembrava essere stata risolta dalla stessa Direzione con la
Direttiva n° 63 del 26/09/14 con la quale si disponeva la riorganizzazione dell’Ufficio
Servizi che non prevedeva la presenza di alcun sottufficiale all’interno di tale ufficio.
Purtroppo la tematica è tornata all’ordine del giorno con l’emanazione della
Direttiva n° 83 del 18/12/2014, già contestata dalla nostra segreteria regionale con
nota Prot. n° 15/2015/SR-ER del 22/02/2015 ancora priva di riscontro.
Infine, con la Direttiva di Servizio n° 7 del 10/02/2015, veniva istituita la figura del
Responsabile dell’Ufficio Servizi, in luogo di quella di responsabile dell’Ufficio Servizi
Centrale, non prevista dall’organizzazione del lavoro, senza aver garantito alcuna
informazione preventiva ed esame con le OO.SS..
A riprova di ciò abbiamo contezza, anche personale, del fatto che eventuali
variazioni di servizio e/o risposte ad istanze indirizzate all’Ufficio servizi vengano
comunicate direttamente dal responsabile dell’Ufficio Servizi e non dai responsabili
delle UU.OO. che non esercitano affatto, come sarebbe auspicabile, la funzione di
responsabili degli Uffici servizi delle rispettive UU.OO..
Siamo, pertanto, a chiederLe di voler disporre che la responsabilità degli Uffici
Servizi venga ricondotta nelle competenze dei responsabili delle rispettive UU.OO..
Si coglie, infine, l’occasione per chiederLe di voler garantire, come accadeva in
passato, la presenza di almeno un addetto all’Ufficio Servizi fino alle ore 16.30, così da
sgravare la Sorveglianza Generale dal compito di predisporre le variazioni di servizio
dovute alle assenze dell’ultimo momento.
In attesa di un cortese cenno di riscontro, si porgono Distinti Saluti.

Istituti Penitenziari di Parma – nota n° 12788 del 16.03.15 – Informazioni su CAR

La Direzione riscontra la nota Si.N.A.P.Pe

Riscontro Direzione Informazione CAR

Share This Post

About Author: Marco Gordiani