• legionella

LEGIONELLA: CHIUSA LA CASA CIRCONDARIALE DI ALBA!

A seguito di alcuni casi di affezioni respiratorie, dovute al batterio della legionella pneumophila, riscontrate su almeno tre detenuti ristretti presso la Casa Circondariale di Alba, il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ha chiuso l’Istituto ed avviato tutte le procedure per la bonifica dell’impianto idrico (il contagio avviene infatti tramite flussi di acqua contaminata).
Considerando il fatto che il contagio del suddetto batterio provoca patologie anche mortali (uno dei tre detenuti versa attualmente in gravi condizioni), tutta la popolazione ristretta nel carcere piemontese, viene trasferita in queste ore presso gli altri penitenziari della regione.
Stessa sorte toccherà al personale di polizia penitenziaria che sarà temporaneamente reimpiegato presso altre strutture. Come si sa infatti, la bonifica, che consiste nell’aumentare la temperatura dell’acqua calda fino a 70-80 °C continuativamente, dura circa 3 giorni.
Nulla però è dato sapere circa la tutela alla salute che l’Amministrazione vorrà (e dovrà) attuare nei confronti dei poliziotti di stanza ad Alba. Di fatto gli stessi non sono stati sottoposti ad alcun controllo medico, atto a ricercare un eventuale contagio da legionellosi. E’ importante evidenziare come la bonifica di un impianto contaminato, non risolve il problema in maniera definitiva, se non viene accompagnata da adeguati sistemi di prevenzione che minimizzino la probabilità di reiterazione del fenomeno di infezione.
Tale situazione pertanto causa una inevitabile preoccupazione al personale interessato che, giustamente, oltre la propria salute ha il dovere di tutelare anche quella di familiari e conoscenti con cui entra in stretto contatto.
Il SiNAPPe quindi, nell’esprimere solidarietà ai colleghi di Alba, chiede al DAP urgenti interventi sanitari nei confronti dei poliziotti penitenziari.

Comunicato – Alba chiusura per legionella

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *