• piacenza-640x418

NOTA UNITARIA – CASA CIRCONDARIALE DI PIACENZA – Ufficio Matricola.

Egregio Direttore,
con la presente queste OO.SS. intendono rappresentarLe le doglianze del personale di Polizia Penitenziaria per quanto starebbe accadendo presso l’ufficio matricola di codesta Casa Circondariale. L’istituto Piacentino si trova in una situazione di carenza d’organico che, unita ad una discutibile organizzazione interna, produce: tagli al congedo ordinario del personale di Polizia Penitenziaria, una buona parte del quale ha ancora un residuo ferie relativo all’anno 2016; soppressione di circa 60 riposi settimanali al mese a causa di esigenze di servizio; espletamento da parte del personale turnista di non meno di 40-50 ore di straordinario al mese; accorpamento e/o soppressione di diversi posti di servizio, con enormi ricadute sulla sicurezza e sui carichi di lavoro della PolPen.
Nonostante tutte le difficoltà sopra descritte sono ben dieci (10) le unità di Polizia Penitenziaria addette all’ufficio matricola più una che verrà immessa a breve, tra cui 1 Coordinatore, 8 addetti (di cui uno con provvedimento temporaneo da parte della S.V.), 1 unità che non ancora inserita perché addetta all’accompagnamento detenuti che verrà immessa a breve ed uno stagista (il quale, tra l’altro, termina l’anno di permanenza previsto a fine mese, circostanza che rende necessaria l’emanazione di un nuovo interpello al fine di dare a tutti la possibilità di partecipare, così come previsto dall’art.16 comma 5 del PIR e dall’art 17 del PIL, al fine di scongiurare la permanenza in matricola di tale unità fino a tutto il mese di dicembre, come appreso da voci di corridoio).
Abbiamo, inoltre, constatato come tutte le nuove unità immesse presso l’Ufficio Matricola vengano rimosse al termine dei 4 mesi di prova previsti, a seguito di relazione di inidoneità da parte del Coordinatore dell’area e come tale personale non riceva l’adeguata formazione/ affiancamento, considerato che, soprattutto nei turni pomeridiani, lo stesso sia costretto ad operare in piena solitudine, senza alcun affiancamento, come se avesse già terminato il percorso formativo/informativo e fosse già inserito in pianta stabile nel suddetto posto di servizio. Le solite voci di corridoio, che si spera la S.V. sia in grado di smentire, affermano che tale situazione sia stata studiata a tavolino per favorire qualcuno inserito nella relativa graduatoria, ma ancora non in posizione utile per essere assegnato presso l’ufficio matricola di codesta Casa Circondariale.
In considerazione di quanto innanzi rappresentato, crediamo sarebbe necessario da parte della S.V. effettuare le dovute verifiche ed impartire le giuste disposizioni per, eventualmente, riportare la situazione descritta alla normalità, nonché sospendere ogni movimentazione in entrata presso l’ufficio matricola, considerato l’elevato numero di personale ivi assegnato e, di contro, le crescenti difficoltà del servizio a turno a garantire la copertura di tutti i posti di lavoro, tenendo conto anche dei diritti soggettivi previsti dalle vigenti norme contrattuali continuamente violati.

casa-circondariale-piacenza-ufficio-matricola

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *