• sinappe-pol-pen

NOTA UNITARIA -Nucleo Cittadino di Palermo – Gestione deficitaria – Richiesta rimozione attuale Comandante del Nucleo cittadino PA – Richiesta incontro urgente con immediatezza

Esimio Provveditore
che la gestione del nucleo traduzioni e piantonamenti di Palermo
era deficitaria oramai è risaputo a TUTTI ( a parte qualche prediletto) appartenenti
al Corpo di Polizia penitenziaria che operano presso quel settore .
Rimaniamo ulteriormente basiti quando veniamo a conoscenza di
individuazione alla partecipazione a corsi di formazione (su scelta pare dell’attuale
Funzionario del Corpo responsabile del NTP) da parte di unità di polizia penitenziaria
prossime uscenti dalla postazione operativa rispetto a quelle unità prossime entranti.
Discutibile sembrerebbe essere anche la gestione dell’istituto dello
straordinario rivolto in particolare su qualche graduato che, nonostante rimanga in
pianta stabile in sede si ritroverebbe a maturare ore di straordinario presumibilmente
non confacenti con quelle che sono le esigenze giustificative alla loro effettuazione.
Il paradosso nasce quando si viene a conoscenza che il graduato di
cui sopra espleta esclusivamente servizi esterni con movimentazione di utenza che
abbia ritorno remunerativo.
Pare che disposizioni impartite da codesto superiore ufficio
riguardante ad esempio i corsi non siano state eseguite così come dovevano essere .

Sembrerebbe che al comandante del nucleo cittadino di Palermo in particolare negli ultimi giorni interessi esclusivamente il personale di polizia penitenziaria che espleta operatività negli uffici tralasciando quello cosiddetto “ operaio “ che sta sempre in mezzo strade.
Signor Provveditore negli ultimi tempi in particolare negli ultimi giorni stiamo percependo che taluni che hanno mansioni di comando (potere) fanno quello che a loro pare prendendo iniziative unilaterali e personali senza consultare alcuno , spingendosi oltre ,in alcuni casi anche in contrasto anche ad accordi concordati fra le segreterie regionali e la parte pubblica regionale in questo caso la S.V.
La deduzione è obbligatoria e cioè quella di remare contro?
Per questo che ci chiediamo;quale può essere il fine di remare contro?
Lungi da Noi pensare che talune manovre anche illegittime verrebbero fatte con il Suo consenso.
Non vogliamo spingerci a così tanto;
Ecco perché Noi non ci stiamo a questo “ giuoco maldestro “
Pretendiamo però che ognuno per la propria parte faccia rispettare il Suo ruolo, da parte nostra siamo stati , stiamo e staremo sempre attenti alle anomalie specie quelle che sconfinano le regolarità nonché normalità cosi come quelle rappresentate nella presente missiva .
Auspichiamo che anche il Dirigente Generale dell’amministrazione Penitenziaria per la regione Sicilia lo faccia rispettare soprattutto dai Suoi diretti collaboratori.
Di quanto sopra alfine evitare che la situazione del nucleo cittadino di Palermo degeneri ulteriormente chiediamo con massima cortese urgenza un incontro per poter valutare anche la eventuale “ rimozione dell’attuale comandante del nucleo “.

12-17-ntp-palermo-pagliarelli-14-12-2017

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *