• 20101110215932

NTP Roma Regina Coeli – Lista nominativi per missioni – criteri di redazione e scelta.

Egregio Direttore,
a seguito della visita di una delegazione SiNAPPe presso il Nucleo Traduzioni e Piantonamenti di
codesto penitenziario, si è venuti a conoscenza dell’esistenza di una lista nominativa,
comprendente tutto il personale ivi in servizio (compreso quello assegnato alle cariche fisse)
suddiviso per ruoli, che viene scorsa per l’incarico dei servizi di missione.
A dirla così sembrerebbe una maniera di scelta assolutamente rispettosa dei canoni di equità
e correttezza, se non fosse che i criteri con cui viene redatta e soprattutto con cui viene effettuata la
selezione degli operatori, non corrisponda esattamente alle regole previste.
Pare infatti che ogni volta che ci sia in programma una missione, si scorra sempre partendo
dagli stessi nominativi (quindi dal primo a scendere), per cui la scelta ricade sempre sulle
stesse persone; laddove queste accettino (ed accettano sempre), non vi è quindi possibilità
per gli altri di arrivare mai ad effettuare un tale servizio.
Inoltre, per ogni turno espletato viene attribuito un punteggio che pare determini la
posizione nella lista; anche qui è facile immaginare che, come in un circolo vizioso, sono sempre gli
stessi ad accumulare punteggi maggiori e ad accaparrarsi i primissimi posti. E’ superfluo
aggiungere quindi che gli “ultimi arrivati” al nucleo, prima di poter accumulare un punteggio tale
da permettere di partecipare ai servizi di missione, dovranno macinare mesi e mesi di lavoro.
Così accade che tra i graduati, essendo i primi due in lista non “disposti a viaggiare” (cosa
alquanto anomala ed inconsueta per chi ha scelto di lavorare presso il Nucleo traduzioni e
piantonamenti), e’ sempre il Coordinatore dell’ufficio pianificazioni che parte, in genere il sabato e
la domenica, tralasciando il suo compito (essendo assegnato ad una carica fissa) e nonostante vi
siano altri graduati disponibili.
Evidentemente con questo sistema, adottato ogni volta, gli ultimi non riusciranno mai
ad effettuare una missione, con notevole disagio sia lavorativo (in quanto dovranno sorbirsi i
più onerosi turni di routine), quanto economico (essendo noto il fatto che il servizio di missione ha
maggiorazioni economiche non indifferenti).

E’ cosa ricorrente poi, che siano i soliti lavoratori ad essere assegnati ai servizi giornalieri
(piantonamenti, tribunale, ecc.); capita così che in caso di servizio di missione “improvviso”, si
ricorra nuovamente agli stessi nominativi, guarda caso liberi da turni già programmati!
Ora, oltre ad essere palese la violazione delle “pari opportunità”, ribadite dall’art.9 del vigente
ANQ, sono diverse le gravi anomalie riscontrate.
Innanzi tutto, a mero parere di chi scrive ma anche per una migliore ed ottimale gestione del
personale e del lavoro, in detta lista non dovrebbero rientrare le cariche fisse che, in caso di
estrema urgenza, dovrebbero rappresentare l’ultima spiaggia ed essere impiegate per servizi
temporanei ed a breve raggio, in modo da poter rapidamente rientrare in sede e riprendere il
compito affidato.
In secondo luogo, riprendendo quanto evidenziato all’inizio, non è assolutamente
ammissibile che unità appartenenti ad uno specifico e peculiare reparto, qual è l’NTP, possano
decidere quale servizio effettuare (nel caso la mancata disponibilità ai viaggi!)…al pari,
infatti, significherebbe che i poliziotti assegnati al servizio d’istituto, possano decidere se lavorare
solo in portineria, piuttosto che ai passeggi ed escludere la sezione!!!
Le irregolarità rilevate non finiscono qui.
La scrivente ha già avuto modo di appurare ed evidenziare con una precedente nota, un’altra
malsana consuetudine in atto presso codesto penitenziario, che prevede il rientro nella giornata di
“smontante” dal servizio di lunga dei posti fissi d’istituto, nel servizio NTP.
Nulla in contrario se imprevedibili esigenze di servizio richiedono l’ausilio di maggior
personale; assolutamente non coerente però è la gestione delle risorse umane che, ancora una
volta, favorisce i soliti privilegiati.
Perché infatti non impiegare il personale “smontante” in sezione, dando possibilità ai
tantissimi disponibili del servizio interno, di espletare un turno al Nucleo?
Ed ancora ci si domanda come mai sia sempre l’autista della Direzione ad essere
impiegato in servizi di missione programmati per il week end mentre, guarda caso, gli altri autisti
sono già stati assegnati ad altri servizi.
In attesa di urgente riscontro, si porgono deferenti ossequi.

CC Regina Coeli -NTP lista nominativi per missioni

Share This Post

About Author: Marco Gordiani