• opg

O.P.G. Aversa – Nota Congiunta OO.SS. – emanazione interpelli ufficio servizi, area trattamentale e lavanderia. Violazione degli accordi sindacali

Preg.ma dott.ssa Palmieri,
in data 05 marzo 2015 codesta Direzione convocava le OO.SS. per una riunione avente all’ordine
del giorno l’organizzazione del lavoro del personale di Polizia Penitenziaria.
All’esito della predetta riunione, la Parte Pubblica dopo aver ascoltato e preso atto della
posizione di ciascuna sigla presente al tavolo “accoglieva l’opportunità espressa dalla maggioranza
delle OO.SS. presenti rivolta al rinvio della contrattazione dell’organizzazione del lavoro relativa a
questo istituto a quando sarà definita la destinazione, visto l’imminente termine previsto per la
chiusura degli O.P.G. al 31 marzo 2015 come da legge 81 del 30 maggio 2014”, prendendo atto “di
quanto espresso rispetto ai correttivi da apportare all’attuale sistema in vigore per quanto
riguarda: annotazione della partecipazione delle cariche fisse alla perquisizione mattutina nel
mod. 14 A e ad un turno mensile; centralino internati-individuazione nuovi spazi; annotazione
doppio incarico mod. 14 e inserimento unità aggiuntiva notturna”
Ebbene, egregio Direttore, apprendiamo con stupore e rammarico, dell’emanazione di
interpelli per l’ufficio servizi, l’area trattamentale e la lavanderia, in palese violazione di
quanto concordato nella suddetta riunione. Senza approfondire la questione della mancata
comunicazione alle OO.SS. circa l’emanazione degli interpelli in argomento, così come prevede la
normativa vigente, ci stupisce che tali interpelli siano stati emanati, nonostante la mancata
definizione dell’organizzazione del lavoro ed ancora di più ci sorprende che codesta Direzione,
in maniera arbitraria, abbia deciso di emanare interpelli solo per i posti di servizio in oggetto
e non anche per altri.
A tal proposito, giova rammentare che, laddove non siano stati definiti protocolli di intesa
locali inerenti l’organizzazione del lavoro, per espressa previsione pattizia, è fatto obbligo alle
Direzioni di attenersi a quanto pattuito nei livelli di contrattazione superiore, in questo caso il
vigente accordo regionale sottoscritto dalla Parte Pubblica e dalle Organizzazioni Sindacali
Regionali il 24 marzo 1997, che costituisce parte integrante del Protocollo di Intesa Regionale del
2004 e che esclude dai posti di servizio soggetti ad interpello esclusivamente gli incarichi di autista
e scorta del Direttore.
Tra l’altro, pare che, a seguito dell’apposizione sul mod. 14 dei nominativi delle cariche
fisse comandate ad espletare la perquisizione mattutina stiano pervenendo a codesta Direzione
diverse richieste di modifica dell’orario di servizio a partire dalle 8.15. Richieste che, sicuramente,
la S.V. vaglierà con la dovuta attenzione onde evitare eventuali possibili tentativi di
strumentalizzazione delle stesse.
Pertanto, per tutti i motivi sopra esposti, si diffida codesta Direzione a sospendere
immediatamente le procedure di interpello emanate in violazione degli accordi sindacali, in
attesa di una nuova convocazione per la definizione dell’organizzazione del lavoro del personale di
Polizia Penitenziaria presso l’Istituto da lei diretto o, in extrema ratio, ad emanare interpelli anche
per tutti gli atri posti di servizio in aderenza a quanto previsto dall’accordo quadro e dal protocollo
di intesa regionale.
In attesa di urgente riscontro e con riserva di intraprendere ulteriori iniziative a tutela del
personale di Polizia Penitenziaria finalizzate alla corretta applicazione delle norme pattizie, si
porgono distinti saluti.

12 02 2015 Nota congiunta OPG Aversa

Share This Post

About Author: Marco Gordiani