• CLAPS: DANILO RESTIVO ARRIVATO IN ITALIA

Piemonte e Valle d’Aosta – istituzione dei Nuclei Traduzione cittadino, provinciale ed interprovinciali – richiesta chiarimenti

Egregio Provveditore
Si rappresenta quanto appreso da ultimo in merito allo stato del procedimento in oggetto.
Nel corso di alcuni incontri sindacali si è percepito un orientamento vigente in codesto distretto,
tradotto su carta sin dalla fine del mese di aprile, ma mai partecipato alle Organizzazioni Sindacali, pur
trattandosi di materia strettamente attinente all’organizzazione del lavoro e dunque di stretta pertinenza
sindacale.
In detto atto, di cui si è reclamata con forza la conoscibilità, si legge una disposizione unilaterale
assunta dal Direttore dell’Ufficio della Sicurezza e delle Traduzioni di codesto Provveditorato, secondo cui
gli “NN.TT.PP. continueranno ad operare come Nuclei Locali con invarianza dell’attuale dipendenza
dall’U.S.T. e dalle Direzioni degli Istituti Penitenziari”.
Se non condivisibile appare il punto di approdo, per evidente violazione di disposizioni di rango
superiore, ancor meno condivisibile appare il percorso logico che pare aver fondato la determinazione in
discussione legando la stessa all’attesa di “disposizioni di dettaglio che diano compiuta attuazione al nuovo
assetto organizzativo”.
La formula utilizzata appare di portata fin troppo ampia per poter farvi convergere eccezioni concrete
anche perché non si comprendere da quale organo dovrebbero promanare dette disposizione, né cosa si
intende per “disposizioni di dettaglio” atteso il contenuto oltremodo specifico e capillare del nuovo modello
organizzativo.
Qualora fra le righe ci si voglia invece riferire all’assenza di nomina dei comandanti dei NTP da
parte del Dipartimento, anche tale eccezione appare di fatto superabile in linea con le nomine di facente
funzione già adottate dal Provveditorato per alcuni istituti penitenziari del distretto. Va da se che la
disposizione in discussione rischia di disapplicare sine die disposizioni di rango superiore, generando ingenti
e comprensibili malumori fra tutto quel personale che seppur per norma dovrebbe risultare alle dipendenze
dell’UST risulta oggi illegittimamente assoggettato alle dipendenze dell’istituto penitenziario.
Vista l’ampia portata della questione e visti i riflessi di illegittimità che si riverserebbero a cascata su
eventuali atti che le direzioni potrebbero porre in essere in applicazione delle disposizioni innanzi citate, si
chiede di dirimere nell’immediatezza la questione, chiarendo in aderenza alle disposizioni dipartimentali la
dipendenza dall’UST per tutto quel personale oggi assegnato ai nuclei Interprovinciali, Provinciali e
Cittadini.
Della questione si investono altresì gli organi centrali che leggono per conoscenza attesa anche la
disarmonica applicazione che ne discenderebbe sul territorio nazionale.
In attesa di riscontro, si porgono distinti saluti.

Prap Torino_Nuclei interprovinciali_richiesta chiarimenti

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *