• andrea-orlando-870x418

RICHIESTA UNITARIA OO.SS. DI CONVOCOCAZIONE URGENTE – MINISTRO DELLA GIUSTIZIA On.le Andrea ORLANDO

Ill.mo Ministro Orlando,
la legge di stabilità 2016 ha statuito il riallineamento dei commissari della Polizia Penitenziaria a quelli della Polizia di Stato.
A questo significativo risultato normativo si è giunti dopo 16 anni di battaglie e di pressioni politiche che hanno visto le organizzazioni sindacali del Corpo impegnate in prima linea a mettere a fuoco l’ingiustizia giuridica di un incomprensibile disallineamento di sviluppo di carriere tra funzionari delle forze dell’ordine appartenenti al comparto sicurezza.
A Lei, signor Ministro, va attribuito certamente il merito di aver dato un forte impulso al riconoscimento della professionalità e delle legittime aspirazioni dei commissari di Polizia Penitenziaria. Probabilmente, senza il Suo impegno, saremmo ancora qui a discutere del momento propizio all’emanazione di un simile provvedimento legislativo ovvero delle coperture finanziarie occorrenti alla realizzazione dell’impianto riformatore caratterizzato, e marchiato indubbiamente dal Suo impegno in prima persona.
Tuttavia, a distanza di 9 mesi dall’entrata in vigore della legge di stabilità, malgrado le Sue rassicurazioni dello scorso 13 giugno in ordine all’inserimento del provvedimento di natura regolamentare all’interno di un più ampio provvedimento legislativo in itinere, si avverte una certa incertezza sui tempi e sulle modalità della sua definizione.
E’ per questa ragione, signor Ministro, che Le chiediamo un urgente confronto sindacale, al fine di comprendere le ragioni dello stallo e, soprattutto, le possibilità di un rapido successo dell’iniziativa riformatrice di cui Lei si è fatto portatore in sede governativa.
La ringraziamo per la Sua disponibilità e restiamo in attesa di ricevere una tempestiva convocazione.

RICHIESTA UNITARIA OO.SS. DI CONVOCOCAZIONE URGENTE – MINISTRO DELLA GIUSTIZIA On.le Andrea ORLANDO

Share This Post

About Author: Marco Gordiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *