C.C. Ascoli Piceno – Caserma Agenti palazzina esterna. Richiesta intervento di risanamento.

cc ascoli piceno sinappe sindacato autonomo polizia penitenziaria

Sig. Direttore,
giunge notizia (comprovata anche da rilievi fotografici) che, nonostante più volte segnalato dal personale che vi alloggia, la situazione di degrado che si è venuta a formare all’interno di alcune stanze della Caserma Agenti posta all’esterno dell’Istituto, rischi, oltre che a compromettere la salute di chi vi alloggia, di creare un danno strutturale maggiore (con i conseguenti costi)se non si provvederà ad un immediato intervento di ripristino.

Nello specifico, la segnalazione lascia emergere vaste zone di muffa sui soffitti e relativo distacco di intonaco dovute presumibilmente a copiose infiltrazioni di acqua provenienti dal
tetto che oggi, stante l’immobilismo sinora registrato sulla vicenda, ha creato insalubri ed anche pericolosi ambienti alloggiativi non più idonei ad ospitare personale di Polizia penitenziaria avente diritto.

Auspicando in un celere intervento volto, oltre che a rendere di nuovo fruibili dette camere, anche a contenere le spese per il relativo risanamento che si ritiene aumenteranno con il passare del tempo, si richiede di voler temporaneamente individuare un’altra stanza all’interno della Caserma Agenti esterna dove alloggiare i colleghi finché le camere interessate siano di nuovo nelle condizioni ottimali tali da consentirne nuovamente la permanenza al loro interno.

Al Sig. Provveditore la presente viene trasmessa con richiesta di voler eventualmente disporre le opportune indicazioni per il celere risanamento della situazione in essere presso la Caserma
Agenti Esterna della Casa Circondariale di Ascoli Piceno.

Alla Segreteria Generale la presente viene trasmessa con riserva di far conoscere gli esiti di quanto segnalato e per eventuali e più incisivi interventi sul tema.
Restando in attesa di cortese ed urgente riscontro, l’occasione è gradita per porgere cordiali saluti.