C.C Lecce – Malumore e inefficienza nel padiglione C2

lecce sinappe sindacato polizia penitenziaria

Egregio Direttore,
a seguito di segnalazioni da parte del personale, codesta O.S. sente la necessità di far sentire la propria voce riguardo la situazione in cui ogni giorno versa il Padiglione C2 di codesto istituto penitenziario.

Uno dei temi fondamentali che si vuole affrontare riguarda la “Sicurezza”. Ebbene sì, visto il compito istituzionale affidataci, non è accettabile che ad oggi non vi siano installate nelle sezioni detentive, telecamere volte a monitorare, la instabile quiete che ogni giorno inesorabilmente i colleghi cercano di mantenere all’interno della stessa. Se dovesse verificarsi un evento critico di qualsiasi natura, cosa succede? L’unico modo per venirne a conoscenza nell’immediato qual è? Un rapporto informativo giunto alla sorveglianza dopo che è successo tutto oppure pregare che in quel momento funzioni il cordless dato in dotazione, perennemente non funzionante e rappezzato con in nastro adesivo? Non è accettabile tutto ciò, come anche non lo è il fatto che un collega sia così abbandonato a se stesso, rinchiuso in un box di 2 mq con le chiavi dello stesso affidate al collega che si trova nella sezione adiacente. Un altro punto che si sente la necessità di toccare, riguarda l’anomale gestione dei detenuti della C2 6ª sez. È inammissibile che arrivato l’orario della chiusura di tutti i reparti detentivi, un detenuto in particolare debba rimanere fuori dalla camera di pernottamento al cospetto degli altri, perlopiù autorizzato fino a mezzanotte, insieme alla relativa saletta comune. Perché accade tutto ciò?

Vista la notevole dose di consegne, visto il tempo massimo di 10 min dato al personale per
il relativo passaggio, riteniamo che sia esiguo al soddisfacimento dello stesso. Chiediamo quindi che il tempo dato a disposizione sia aumentato al fine di consentire al collega smontante di poter riuscire a passare le consegne nella maniera più consona possibile.

Non sono solo questi gli aspetti negativi che caratterizzano il personale, ma ce n’è un altro
peggiore, quale il BENESSERE dello stesso.
Partendo dal box agenti ci sono varie carenze segnalataci, quali, le sedie fatiscenti – mezze
distrutte, che il personale utilizza, nonostante tutto, quando necessario per svolgere alcune
mansioni che ne richiedano l’utilizzo. Un problema che va nell’immediato risolto, visto il servizio di sorveglianza e non solo , H24 che viene svolto dal personale di Polizia Penitenziaria all’interno delle sezioni detentive.

Viste le norme inerenti la sicurezza del lavoro, è inammissibile che non venga garantita al lavoratore una costante espiazione solare tramite una finestra e un ricircolo dell’aria continuo, creando di conseguenza all’interno del piccolo box un mix di fumo e cattivi odori, che ne rendono sgradevole la permanenza. Vista la presenza di una botola posta all’interno del corridoio che collega i box delle sezioni detentive, riteniamo giusto eliminare la chiusura forzata con il lucchetto, al fine di tamponare tale mancanza e quindi garantire almeno il ricircolo.

Certi della rilevanza che voglia accordarsi alla presente, sicuri della Vs. volontà di venire incontro a queste problematiche sollevate, si resta in attesa di riscontro e si coglie l’occasione per porgerle distinti saluti.