C.C. Trento – Anomalie nella compilazione dei rapporti informativi

Esimio Direttore

Come è noto, il rapporto informativo previsto dagli articoli 44 e successivi del decreto legislativo 443/92 e successive modificazioni, è un atto amministrativo capace di produrre effetti nella carriera del dipendente e la sua compilazione è guidata da passaggi cristallizzati dalla stessa norma che li disciplina.

Trattasi di un atto che, in aderenza alla normativa di riferimento e alla costante giurisprudenza sul punto, deve contenere idonea motivazione. Giunge notizia a questa Segreteria Generale di grossolani errori nella compilazione della modulistica DAP (c.d. modello 6 DAP) relativa ai rapporti anno 2019 (es. errori nelle indicazione della data di arruolamento del soggetto valutato).

Ciò che maggiormente stupisce – stando a quanto riferito – è il rinvio nella parte dedicata alla motivazione (elemento essenziale dell’atto) ad un non meglio specificato “allegato”.

Considerato che non appare esser rispettata la canonicità dell’atto in argomento, nel sollecitare maggiore attenzione nella compilazione delle anagrafiche, si voglia chiarire quale modalità operativa/circolare consenta di compendiare la motivazione dell’atto in un rimando ad un “allegato” e di quale allegato si tratterebbe.

Si prega di fornire rapidi chiarimenti al fine di non inficiare la libertà dei singoli di proporre ricorso avverso il giudizio in questione. Si resta in attesa di riscontro urgente ed in attesa si porgono distinti saluti.