C.C. Trento – Assegnazione unità vincitrice di interpello presso ufficio casellario-magazzino detenuti ods nr. 94 del 15.06.2021_perdurante impiego unità dimissionaria.

Egregio Direttore, in data 31 marzo 2021 ci ha inviato copia dell’ods nr. 56 relativo all’interpello riservato al personale maschile per l’assegnazione di nr. 1 unità di Polizia Penitenziaria ruolo Agenti/Assistenti da destinare all’ufficio casellario, specificando opportunamente nello stesso “Viste le dimissioni presentate da una unità attualmente impiegata”. Il vigente Protocollo di Intesa Regionale all’Art. 16 c. 11, che disciplina la decorrenza dell’incarico delle cc.dd. cariche fisse vincitrici di interpello, testualmente prevede: l’immissione dovrà avvenire entro nr. 3 mesi dalla data di emanazione dell’interpello, e pertanto nel caso di specie, era assolutamente corretto attendersi l’immissione del vincitore entro il 31 giugno 2021. Ciò premesso, con l’ods in oggetto indicato, Ella ci ha partecipato la graduatoria, i punteggi dei concorrenti e il nome del vincitore dell’interpello, e contrariamente alla previsione del predetto accordo regionale, ha previsto che l’Assegnazione dello stesso decorra dal 16.09.2021 (dopo circa nr. 6 mesi dall’emanazione dell’interpello), motivando tale decisione con la seguente frase: vista la grave carenza di personale è stata posticipata l’assegnazione, per poter garantire lo svolgimento del piano ferie estivo. Se alla luce solo ed esclusivamente della motivazione della carenza di personale, aggravata dal piano di ferie estivo, con cui Ella ha ritenuto di posticipare l’immissione del poliziotto vincitore al casellario oltre i nr. 3 mesi massimo previsti, abbiamo soprasseduto dall’intervenire, La informiamo fin d’ora, che nell’ipotesi si protragga ancora nel periodo estivo l’impiego al casellario dell’unità dimissionaria, come sembrerebbe stia accadendo con sempre maggiore frequenza, facendo venire meno di fatto il motivo per cui ha ritenuto assegnare il vincitore solo dopo il piano ferie estivo, faremo inevitabilmente ricorso, senza ulteriore preavviso, alla Commissione Arbitrale Regionale. Cogliamo l’occasione per ricordarle che in caso di esigenze di servizio, il casellario annovera un’unità di polizia vincitrice di interpello con l’incarico di sostituto dei titolari.