Casa Circondariale di Cremona – operazione del 22 giugno – richiesta attivazione procedimenti per attribuzione ricompense al personale

paluso sinappe sindacato autonomo polizia penitenziaria

Egregio Direttore,
la scrivente Organizzazione Sindacale esprime vivo compiacimento per le operazioni che nella giornata di ieri, 22 giugno, sono state condotte presso la Casa Circondariale di Cremona.

Ancora una volta, l’estrema professionalità e le spiccate capacità di indagine del personale cremonese hanno premesso di arginare un importate tentativo di destabilizzazione dell’odine interno.

Sono stati infatti rinvenuti, anche con l’ausilio del nucleo cinofili, ben 90 grammi di stupefacente, 2 smartphone e 3 microcellulari completi di sim e caricabatteria.

Il materiale rivenuto e sequestrato era abilmente occultato nel doppiofondo di alcune pentole rinvenute in un pacco postale destinato ad un recluso. Trattenute al casellario per via delle dimensioni non consentite, è stata l’insistenza del destinatario del pacco a far sorgere nell’addetto al settore il dubbio di occultamento di materiale vietato.

In un momento di piena emergenza sanitaria, assume ancora più valore l’attenzione con la quale viene svolto l’incarico; nella circostanza concreta rilievo determinante ha assunto l’intuito e lo zelo del collega protagonista della vicenda.

Siffatte situazioni debbono trovare necessariamente il giusto risalto ed è per questo motivi che Le chiediamo formalmente di inoltrare il fascicolo dell’evento alla Commissione Ricompense per l’iter di attribuzione di formale riconoscimento.

Si auspica che l’evento venga altresì tenuto in debita considerazione all’atto della compilazione dei prossimi rapporti informativi.

In attesa di riscontro, l’occasione è gradita per porgere distinti saluti.