Casa Circondariale di Ferrara – Richiesta chiarimenti su modalità di consumo pasto in servizio

sinappe sindacato autonomo polizia penitenziaria

Egregio Direttore,
in data odierna è comparso un avviso che inibisce l’accesso alla mensa per coloro che non consumano il pasto fornito dalla ditta.

Il provvedimento non riporta la firma del Direttore, ma della ditta “SERENISSIMA”, senza firma in calce. Si ha l’impressione che qualcuno stia ostacolando l’astensione dalla mensa obbligatoria di servizio di questi giorni, proclamata in segno di solidarietà dei fatti accaduti nell’Istituto di Santa Maria Capua Vetere.

Chi non ha diritto al pasto e non vuole consumare il pasto della ditta, ma bensì il suo, o non ha diritto e vuole consumare un panino, dove dovrebbe sedersi per consumare il pasto?
Alla sala convegno sono disponibili 3 tavolini con un diametro di 80 centimetri e si creerebbe assembramento ingiustificato, sul piazzale esterno sono presenti 2 tavolini con le stesse dimensioni, utilizziamo il numerino come alla “Coop”? Chi sanifica i tavolini e le sedie? Fermo restando il fatto che nelle brutte giornate non si potrebbe in ogni caso.

Chiediamo pertanto che una parte dei tavoli della mensa sia appositamente riservata al personale che non consuma o non ha diritto al pasto fornito dall’amministrazione oppure, che la direzione metta a disposizione un numero congru