Casa Circondariale di Frosinone – carenza organica di personale di Polizia Penitenziaria – apertura nuovo padiglione

Egregio Vice Capo Vicario, Illustre Direttore Generale,

 la scrivente Segreteria Generale si è dimostrata sempre attenta e sensibile alle problematiche che investono gli Istituti Penitenziari del Paese, con particolare riferimento alla carenza organica in rapporto alla popolazione detenuta presente.

La questione si presenta in tutta la propria attualità oggi in relazione alla Casa Circondariale di Frosinone che a breve sarà interessata dall’apertura di un nuove padiglione detentivo, il quale, entro la metà del mese di gennaio prossimo venturo, ospiterà ulteriori 200 detenuti (anche appartenenti al circuito Alta Sicurezza).

Allo stato attuale la Casa Circondariale ciociara conta all’incirca 500 ospiti (a fronte di una capienza di quasi la metà); l’incremento prospettato porterebbe dunque l’istituto in parola alla gestione di un totale di 700 ristretti.

Al fine di fornire un quadro reale della condizione si richiama alla memoria la recente dotazione organica: 266 la forza prevista per la Casa Circondariale di Frosinone, circa 200 quella presente. La loquacità dell’equazione che ne fuoriesce ci induce a tacere ulteriori considerazioni che apparirebbero assolutamente ridondanti.

Ad oggi non raggiunge lo 0.5% il rapporto ristretti/poliziotti; una situazione destinata a calare drasticamente proprio con l’apertura del nuovo padiglione se tale progetto non sarà connesso ad un progetto di incremento del personale in forza effettiva.

Si ha notizia che la stessa Direzione abbia provveduto ad interagire con i superiori Uffici circa la necessità di implementazione, consapevole dell’impegno gestionale collegato ai dati che innanzi si sono forniti.

Dal punto di vista sindacale ed in aderenza al mandato di rappresentanza proprio dell’Organizzazione, questa Segreteria perora la medesima causa di un cospicuo rinforzo organico al fine di garantire sia la sicurezza dell’Istituto e di coloro che vi prestano servizio, sia per assicurare condizioni di lavoro sostenibili.

Vogliano pertanto codesti Vertici attivare ogni idonea procedura volta all’individuazione di un importante contingente di personale da inviare con urgenza presso la Casa Circondariale di Frosinone in parallelo al progetto di attivazione del nuovo padiglione, magari attraverso lo scorrimento della graduatoria di mobilità nazionale.

Certi della sensibilità che vorranno dimostrare ed in attesa di riscontro, l’occasione è gradita per porgere distinti saluti.

Casa Circondariale di FROSINONE – carenza organica di personale di Polizia Penitenziaria – apertura nuovo padiglione