Casa Circondariale di Rimini – Mancanza acqua calda

acqua calda carcere sinappe sindacato pol pen polizia penitenziaria

Egregio Provveditore,
abbiamo appreso che presso la Casa Circondariale di Rimini, da diversi giorni, il personale di Polizia Penitenziaria “accasermato” non possa fruire dell’acqua calda nelle proprie camere.

Purtroppo, disagi del genere si sarebbero verificati già altre volte, sembrerebbe a causa del malfunzionamento del boiler che, non si capisce per quale motivo, non sia stato sostituito nei mesi più caldi.

Purtroppo, sembrerebbe, che gli ultimi interventi emergenziali di manutenzione della suddetta caldaia non abbiano sortito i risultati sperati, tanto che, probabilmente, sarà necessario procedere all’acquisto di un nuovo boiler per la fornitura dell’acqua calda agli alloggi della caserma agenti.

Siamo pertanto a chiederLe di sollecitare la Direzione che legge per conoscenza a mettere in atto gli interventi necessari all’immediata risoluzione della suddetta problematica, volendo, eventualmente fornire i fondi utili all’acquisto del nuovo boiler, indispensabile per poter garantire l’erogazione dell’acqua calda negli alloggi della caserma agenti e, più in generale, il rispetto dei requisiti minimi di vivibilità.
Distinti Saluti.