Casa Circondariale Rieti – Mancata convocazione da parte della Direzione della Casa Circondariale di Rieti e contestuale avvio dello Stato di Agitazione, interruzione di ogni forma di rapporto con la Direzione della Casa Circondariale di Rieti, in ordine ad eventuali convocazioni o altre iniziative poste in essere che richiedono la presenza dei Rappresentanti Sindacali.

Queste Segreterie Provinciali, con riferimento alle note n°.1 del 04/05/2021 n°.2 del 10/05/2021 e n°.3 del 27/05/2021 che qui si intendono integralmente richiamate, pongono all’attenzione della S.V. Illustrissima, la tematica sulla quale verte la controversia in oggetto segnalata, le scriventi OO.SS facendo riferimento al riscontro della Direzione prot.5792 del 31Maggio u.s. Annunciano formalmente, che a seguito di una ponderata presa di posizione di quest’ultima, dalla data odierna interrompono ogni forma di rapporto con la Direzione della Casa Circondariale di Rieti in ordine ad eventuali convocazioni ed altre iniziative poste in essere, che richiedono la presenza dei rappresentanti sindacali, segnalando di seguito: – ASSENZA DI UN COMANDANTE DI REPARTO !! – DIREZIONE SORDA E LONTANA DAI SERI PROBLEMI DELLA POLIZIA PENITENZIARIA!  Totale assenza e rispetto delle prerogative sindacali a tutela del personale di Polizia Penitenziaria. Creazione, soppressione, modifica degli orari e del carico di lavoro delle postazioni di servizio avvengono con scelta unilaterale della Direzione, senza essere sancite dalla contrattazione sindacale, nel rispetto dell’Accordo Quadro Nazionale d’Amministrazione per il personale appartenente al Corpo di Polizia Penitenziaria.;  Rivisitazione dei livelli Minimi e Massimi di sicurezza all’interno dell’istituto: tutt’oggi è divenuta abitudine prevedendo una sola unità di Polizia Penitenziaria posta a sorveglianza di più postazioni di servizio. Situazione che trova pienamente riscontro nel servizio Pattuglia Reparti Detentivi, ove un solo Agente, senza alcun supporto provvede alla sorveglianza di 3 sezioni detentive e delle altre attività che si svolgono nell’ambiente intramurario;  Personale impiegato allo svolgimento del corso di V. Sovrintendente, non sostituito con emanazione di apposito interpello straordinario come previsto dal vigente Protocollo d’Intesa Regionale per il ruolo Agenti/Assistenti. (Piano di Mobilità del personale di Polizia Penitenziaria);  Piano Ferie estivo, dove le scriventi OO.SS. non hanno firmato alcun accordo per la presa di Posizione della Direzione e del Comandante di Reparto, quest’ultimo pone in affissione volantini con riferimenti al suddetto piano ferie estivo con date del tutto errate senza apporre data e firma!  Gestione dell’Ufficio Servizi. Le scriventi OO.SS., maggiormente rappresentative nell’ambito dell’Istituto Reatino, comunicano che prossimamente per quanto esposto metteranno in atto un SIT-IN DI PROTESTA innanzi cancello d’ingresso della Casa Circondariale di Rieti, in rappresentanza di tutto il personale di Polizia Penitenziaria, che giornalmente opera nell’Istituto sobbarcandosi carichi di lavoro abnormi, destreggiandosi tra difficoltà gestionali e rischi concernenti la propria incolumità, coinvolgendo tutte le testate giornalistiche locali e regionali. CHIEDONO L’attivazione di un tavolo Superiore per esporre alla S.V. le rappresentate problematiche in tempi brevi con esclusione tassativa della presenza del Direttore e del Comandante di Reparto; L’impegno della S.V. ad avere maggior riguardo per la Casa Circondariale di Rieti; AVVICENDAMENTO DEL PRIMO DIRIGENTE (Comandante di Reparto) il quale, in 10 anni circa dal suo insediamento non ha favorito ad alcun progetto costruttivo per il benessere del personale tutto, ma, ha permesso con il suo modo di fare di arrivare alla immane situazione catastrofica in cui verte l’Istituto Reatino. Agli indirizzi cui la presente è diretta, si richiede, ognuno per le proprie competenze, un intervento al fine di migliorare le condizioni lavorative del personale della Casa Circondariale di Rieti, significando che in assenza di incisivi interventi ci riserviamo di mettere in atto ulteriori iniziative.