Casa Circondariale Roma Rebibbia Femminile – richiesta apertura cancello suore h24

Egregia Dottoressa,
con la presente si intende esprimere una richiesta avanzata dagli operatori penitenziari in
servizio presso codesto istituto e che, a mero parere di chi scrive, trova giusto fondamento.
La questione riguarda la chiusura notturna del portone in legno, sito presso il posto di
servizio denominato “cancello suore”.
E’ consuetudine, infatti, nelle ore notturne, tenere chiuso tale uscio, al fine probabilmente
di aumentare la sicurezza dell’Istituto.
Sembrerebbe però che tale iter, anziché favorire, crei disagio ed impiccio; il predetto
portone, infatti, pesante e di vecchia fabbricazione, ha una funzionalità manuale assolutamente
non facile né in fase di chiusura, né tantomeno di apertura.
In caso di pericolo dunque (si pensi ad una evacuazione d’urgenza), l’operazione di
apertura sottrarrebbe del tempo prezioso alle operazioni di sfollamento, mettendo a repentaglio la
salvezza sia del Personale in servizio che delle detenute.
D’altronde i sistemi di sicurezza al momento in uso (il cancello elettronico, le telecamere,
ecc.), appaiono sufficienti a garantire la prioritaria sicurezza del penitenziario femminile, per lo
meno da quell’entrata.
Dunque, alla luce di quanto fin qui evidenziato, si invita la S.V. a prendere in
considerazione l’eventualità richiesta.
In attesa di cortese riscontro, si porgono distinti saluti.

CCF Rebibbia – cancello suore – richiesta apertura h24