Casa di Reclusione di Sulmona – Modifica unilaterale dell’organizzazione del lavoro – Orario 8.00/17.00 Aule scolastiche

Egr. Direttore
Il suo comportamento persiste nel perseverare in quanto riportato in oggetto.
E’ di nuova entrata sul modello 14/A, a sua firma e del comandante di reparto, l’ orario di servizio 8:00/17:00 per le Aule scolastiche del reparto Verde e Blu.
Sembrerebbe che per il prolungarsi dell’ orario delle attività trattamentali si sarebbero individuate senza criteri conosciuti alle Organizzazioni sindacali delle unità all’ uopo da impiegare nella nuova previsione oraria. Previsione che tra l’ altro viola i limiti imposti dagli accordi sindacali programmando in tal modo lo straordinario.
Non possiamo esprimere il nostro disappunto su quanto sta avvenendo presso la Casa di Reclusione di Sulmona relativamente alla materia dell’ organizzazione del lavoro.
Si percepisce che la parte pubblica disconosca che la materia è oggetto di informazione preventiva e prerogativa sindacale. Sembrerebbe che le organizzazioni sindacali presso la Casa di Reclusione di Sulmona abbiano un ruolo di semplici burattini. Stanchi di tale condizione, rappresentata più volte anche al Provveditore Regionale, prendendo atto che l’ amministrazione centrale e periferica nulla sta muovendo per far venir meno questo modo di agire da parte della Direzione di Sulmona, riportando il dialogo delle trattative sul giusto tavolo negozioale nel rispetto di quelle che sono le norme che regolano il contratto di lavoro, dovendo far riconoscere le nostre prerogative chiediamo l’ immediata revoca dell’ orario di servizio 8:00/17:00 che è stato previsto in maniera arbitraria per il posto di servizio in argomento e contestualemente avviare un confronto dialettico sull’ argomento.
In breve si chiede di rispettare quanto dettato dall’ Accordo Quadro nazionale in termine di organizzaizone del lavoro, di orario di servizio, di orario di lavoro straordinario, di pari opportunità.
Al Capo del Dipartimento, al Provveditore Regionale si chiede, per propria competenza, di voler verificare la nostra doglianza e richiamare la Direzione della Cr di Sulmona ad agire secondo i dettami normativi ogni qual volta ha la necessità di intervenire su quella che è l’ organizzaizone del lavoro.