Caserma Agenti per il personale femminile della Casa Circondariale di Messina

Gentile Provveditore, è pervenuta a questa O.S. una segnalazione in merito alle pessime condizioni igienico sanitarie degli alloggi presso la caserma agenti della Casa Circondariale di Messina, riservata al personale di Polizia Penitenziaria Femminile. Le condizioni di estrema trascuratezza degli arredi, dei materassi, dei bagni, dell’assenza di acqua calda espongono inevitabilmente, il personale a tutti i rischi connessi alla carenza di igiene e salubrità. Sembrerebbe anche che, sabato scorso, per volontà di chi non è dato sapere e senza dare preavviso al personale che fa uso delle stanze, siano stati fatti dei cambiamenti con aggiunta di letti a castello per assicurare 12 posti letto in due stanze. Ammassare il personale femminile in due stanze quando poi, c’è personale che vive comodamente in alloggi singoli. Pare che, così come è stato rappresentato, gli arredi e i letti che sono stati inseriti nelle stanze, sicuramente, sono stati presi da sottotetti o da magazzini abbandonati perché presentano sporcizia e ruggine, inoltre, che gli armadi, i letti e gli effetti personali delle poliziotte che ne fanno uso, sono stati spostati senza nessuna autorizzazione o comunicazione alle stesse. Se tutto ciò dovesse essere confermato, a nostro avviso denoterebbe una scarsa attenzione nei confronti di chi vive poi i disagi conseguenti e gli effetti negativi che tale scelta comporta, e qual è la considerazione che si ha del personale che si amministra. Ci viene riferito, ancora, che la struttura è chiaramente abbandonata a se stessa, sporco un po’ ovunque, senza acqua calda dignitosa per effetto del mal funzionamento delle caldaie, letti e armadi ammassati, WC da terzo mondo ecc…. Considerato che il benessere del personale è materia di rilevante importanza, con la presente si richiede alla S.V. di voler invitare il Direttore della Casa Circondariale di Messina di porre immediatamente rimedi alle condizioni igienico sanitarie descritte e a provvedere nell’immediato ad adottare tutte le iniziative possibili per garantire condizioni igieniche dignitose. Al Direttore della Casa Circondariale di Messina, attesa la natura negoziale della salubrità, di convocare nel più breve tempo possibile un incontro. Si resta in attesa di conoscere i provvedimenti che codesto competente Provveditorato riterrà di dover assumere in proposito e la data dell’incontro richiesto alla Direzione della Casa Circondariale di Messina.