CC Pescara – Richiesta valutazione incremento numerico scorta piantonamenti ospedalieri

pescara

Egregi,
com’è noto, attualmente, presso l’Ospedale Civile Spirito Santo di Pescara e precisamente nella palazzina “COVID HOSPITAL” dedicata interamente ai pazienti affettivi dal predetto virus, risulta attivo il piantonamento di tre detenuti, colà trasferiti da altro penitenziario del distretto, appartenenti tutti al circuito AS e ricoverati in corsia.

Le scorte ivi in servizio sono organizzate con TRE sole unità in totale (un poliziotto per detenuto), nonostante la pericolosità dei ristretti piantonati. Sul punto, non si può non sottolineare come il modello operativo NTP al paragrafo 40, punto 3, lettera B preveda che l’entità della scorta, di regola, sia stabilità in almeno due unità per ogni soggetto piantonato, specificando altresì la possibilità di disporre un incremento “da valutarsi caso per caso” in relazione a parametri indicativi, tra cui la pericolosità del soggetto.

Tenuto conto che trattasi di reclusi provenienti da altro istituto e presi in carico dal personale di Pescara per il piantonamento, supportati in alcuni turni da altro personale del distretto PRAP (scorta formata sempre e solo da 3 unità) e tenuto soprattutto conto della loro classificazione penitenziaria, si chiede di valutare, ai sensi della normativa innanzi citata, unitamente al responsabile del Nucleo, un incremento della scorta di ulteriori 3 unità, quanto meno per raggiungere il numero minimo di scorta previsto.

Si evidenzia inoltre che i turni notturni sono programmati a 7 ore (24.00/07.00 in aperta violazione di quanto previsto dall’A.N.Q.) ed il cambio non arriva prima di 30, 40 minuti dal termine del turno, a causa delle procedure di vestizione e svestizione dei DPI.

A causa di questi piantonamenti, il personale che svolge servizio all’interno dell’Istituto, specie nei turni notturni, è costretto a presidiare quattro posti di servizio di cui tre sono sezioni detentive.

Ciliegina sulla torta di poche ore fa la disposizione con cui la Direzione Generale del Personale e delle Risorse Ufficio IV, nota GDAP. 11/12/2020.0447412.U, sta provvedendo ad inviare presso la Casa di reclusione di Sulmona, 9 unità di Polizia Penitenziaria per incrementare temporaneamente l’organico presente, al pari di quanto avvenuto non molto tempo prima anche per la Casa Circondariale di Teramo.
Distinti saluti.