Comunicato 14 settembre 2021 – Bozza nuovo PCD sui criteri di accesso al G.O.M.

Si è svolta nella mattinata odierna, con le ormai consuete modalità della videoconferenza, la riunione vertente sul varo del PCD (prescritto dal Decreto Ministeriale) che vada a disciplinare i criteri per l’accesso al Gruppo Operativo Mobile. Un incontro di natura interlocutoria ove sono state dettagliate le intenzioni dell’Amministrazione di procedere in maniera sistematica ad una selezione basata su criteri univoci in linea con il concetto di “eccellenza” che da sempre si riconosce al delicato servizio affidato al GOM. Dal proprio canto il Si.N.A.P.Pe si è detto aperturista e possibilista, auspicando da parte dell’Amministrazione una attività che tenda comunque ad omologare i criteri per l’accesso alle strutture extra moenia intese in senso lato, pur con tutti i distinguo del caso.
Il varo di un PCD – che si muove (ed è giusto ricordarlo) entro precisi margini d’azione dettati dal Decreto Ministeriale – non può e non deve tradursi in una attività per buttare alle ortiche ciò che di buono è stato fatto fino a questo momento.
Al di là del mero approccio algebrico ai singoli punteggi, quel che rileva per il Si.N.A.P.Pe sono i meccanismi di funzionamento del GOM e dei ROM, è comprenderne l’organizzazione del lavoro e il confronto su ogni aspetto che afferisce la tutela del lavoratore. Un confronto che va rafforzato nell’alveo delle rispettive competenze e a garanzia del benessere del personale. L’Amministrazione si è riservata di analizzare i contributi forniti e di procedere con i successivi aggiornamenti.

L’Ufficio Stampa Si.N.A.P.Pe